VENEZUELA. Caracas esporta anche il crimine organizzato 

233

L’arresto di diversi membri di un gruppo criminale venezuelano in Perù ha dimostrato come i criminali della nazione andina in crisi stiano migrando e portando con sé le loro abitudini criminali. Il 3 agosto scorso, le autorità del Perù hanno arrestato cinque membri di una pericolosa organizzazione criminale venezuelana, una “mega-gang”, nota come El Tren de Aragua, che opera in uno degli stati costieri centrali del Venezuela.

I quotidiani El Nacional e El Siglo riportano che la Dirección de Investigación Criminal della polizia del Perù ha trovato che almeno 15 appartenenti al Tren de Aragua sono entrati nel paese nelle ultime settimane: «Sono andati in Perù per commettere una serie di crimini, soprattutto contro le istituzioni finanziarie, per stabilire una sede per la loro organizzazione criminale».

Le autorità peruviane ne hanno arrestate cinque nella città portuale di Callao, a ovest di Lima con la mappa di una banca che stavano andando a rapinare, pistole e un tipo di granata comunemente usato dai criminali in Venezuela. Dall’inizio della migrazione di massa dei venezuelani verso località come Aruba, Panama, Colombia e Stati Uniti, molti migranti sono stati arrestati per reati minori.

Tuttavia, la cattura di uomini del Tren de Aragua in Perù e il sospetto che stavano cercando di aprire una filiale nel paese è il primo segno della possibile espansione dei gruppi venezuelani della criminalità organizzata nella regione. El Tren ha più di 200 membri che operano per strada e migliaia di altri che lavorano all’interno delle carceri venezuelane. Le attività criminali di alcuni gruppi non si fermano, anche se i loro membri sono in carcere. In alcune occasioni, infatti, si rafforzano e si estendono in altri territori quando sono in grado di convertire le carceri in propri centri operativi, spesso a causa dell’inazione delle autorità e della complicità di funzionari corrotti.

Il leader del Tren Héctor Guerrero, alias “Niño, ad esempio, è ospite del carcere di Tocorón e proprio Guerrero è considerato uno degli scherzi del governo Maduro. Secondo El Estímulo, nel 2016 le autorità hanno promesso di attuare un nuovo sistema di controllo massiccio nella prigione di Tocorón, ma Guerrero continua ad essere la forza di governo nel carcere due anni dopo.

Antonio Albanese