VENEZUELA. Anche Pechino aiuta Caracas

951

La compagnia petrolifera di stato del Venezuela, Pdvsa, e la China Petroleum Technology & Development Corporation, Cptdc,  hanno firmato un accordo per costruire un gasdotto che collegherà Tacoa a Vargas. Questo accordo e la valutazione di altre questioni sono stati discussi dal presidente di Pdvsa, Nelson Martínez, insieme al rappresentante generale di Cptdc in Venezuela, Zhang Bing Hong, riporta El Diario de Caracas.

«Questa importante azienda cinese ha espresso la sua disponibilità a continuare a lavorare con Pdvsa per lo sviluppo di attività nel settore del gas», ha detto Martinez attraverso il suo account Twitter.

La China Petroleum Technology & Development Corporation è una controllata della China National Petroleum Corporation, Cnpc, società con cui PDVSA ha quattro joint venture nel paese: Petromiranda, Petrourica, Petrolera Sinovensa e Petrozumano.

Accanto all’economia, Caracas sta rafforzando la difesa delle sue infrastrutture critiche, soggette ad attacco estero. Il Comando Strategico delle Forze Armate nazionali bolivariane, Ceofanb, sta addestrando i suoi uomini per la protezione delle strutture dei servizi pubblici, obiettivi di attacco e di sabotaggio, riporta l’agenzia Mehr.

Secondo il comandante del Ceofanb Remigio Ceballos, il comando ha iniziato una fase di valutazione e coordinamento per proteggere il sistema dei servizi pubblici, in particolare elettricità e acqua.

Ha detto che la strategia cerca di aumentare le azioni in tutto il paese per garantire la sicurezza in tutti questi siti, che sono bersaglio di azioni terroristiche perpetrate da individui che attaccano il popolo venezuelano.

Nicolas Maduro ha ordinato a Ceofanb di collaborare con i membri delle Aree Operative Integrali di Difesa e con altre forze di polizia per attivare un piano di protezione di tali strutture che sarà annunciato la prossima settimana.

Secondo l’agenzia di stampa Agencia Venezolana de Noticias, Avn, in questi ultimi giorni sono stati abbattuti piloni elettrici e attaccati siti del sistema elettrico nazionale, così come stazioni di pompaggio dell’acqua potabile. 

Antonio Albanese