VENEZUELA. ALBA-TCP  con Maduro. Fino alla Vittoria!

78

Il ministro degli Esteri venezuelano, Jorge Arreaza, ha assicurato sul 21 maggio che il Venezuela e Cuba stanno rafforzando le loro relazioni in tema di cooperazione e nel rispetto della loro sovranità, nonostante le azioni di ingerenza e il soffocamento economico imposto dagli Stati Uniti.

Stando a quanto riporta Prensa Latina, il ministro degli Affari Esteri di Caracas, all’Avana per partecipare al 18° Consiglio Politico dell’Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (Alba – Tcp), ha espresso su Twitter la sua gratitudine alle autorità cubane per il loro caloroso benvenuto. 

Da parte sua, il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha detto che la riunione del blocco regionale difenderà i principi di autodeterminazione del popolo venezuelano. Il ministero degli Esteri cubano ha annunciato che l’incontro esplorerà nuove opportunità di integrazione e riafferma l’impegno per l’unità, la cooperazione e la solidarietà tra le nazioni membri di fronte alla situazione attuale che Washington intende imporre alla regione.

La riunione del  consiglio ha lo scopo di esplorare nuove opportunità di commercio e cooperazione tra i paesi membri: Bolivia, Cuba, Dominica, Grenada, Nicaragua, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Suriname e Venezuela. 

Il consiglio politico di Alba-Tcp è composto dai ministri degli Affari Esteri di ogni paese membro. Il suo obiettivo è quello di fornire pareri al Consiglio di Presidenza di questa piattaforma diplomatica internazionale su questioni strategiche e di presentargli proposte su questioni di politica internazionale.

Castro e Diaz-Canel hanno ribadito il loro sostegno al presidente venezuelano Nicolas Maduro e hanno sottolineato che i membri di Alba -Tcp difenderanno la nazione sudamericana contro le tattiche “imperialiste” per rovesciare il suo governo.

Negli ultimi mesi, i paesi membri fondatori di Alba-Tcp, riporta Telesur, del Venezuela e di Cuba sono oggetti dell’offensiva economica e politica dell’Amministrazione Trump, «con un’evidente spinta a rovesciare il governo democraticamente eletto del presidente Maduro», riporta il canale sudamericano. 

Graziella Giangiulio