VENEZUELA. Ad aprile record del livello di acquisti di Bitcoin 

305

La domanda venezuelana di Bitcoin raggiunge livelli record ad aprile. Gli acquisti di Bitcoin in Venezuela hanno registrato una rapida crescita, poiché la gente cerca un rifugio sicuro nella valuta cripto, vista l’iperinflazione e il disastro economico.

Le condizioni economiche disastrose e l’inflazione annuale giunta a un sorprendente 4,000% stanno spingendo i venezuelani a cercare la salvezza nelle criptomonete. I venezuelani hanno speso l’equivalente in bolivar di 1 milione di dollari nell’acquisto di bitcoin il 17 aprile e li ha poi convertiti in dollari o altre valute estere per bypassare i controlli valutari, riportano Bloomberg e VeneBloc.

Il governo Maduro ha imposto restrizioni sul commercio forex nel 2003, ma molte aziende continuano ad accettare solo dollari come pagamento per beni e servizi, e il fatturato ombra continua a crescere. Con il bolivar che si deprezza di giorno in giorno, la domanda di criptovalute è in costante aumento e così i traffici di bitcoin e dollari sono di nuovo in aumento.

Caracas ha recentemente lanciato il Petro, cripto garantita dalle sue riserve di petrolio, vietato negli Stati Uniti. Il Petro ha ricevuto un premio all’inizio di questa settimana dall’Associazione russa di Crypto Currency e Blockchain, Raccb, per il suo «eccezionale contributo allo sviluppo del settore della blockchain».

Si ha quasi certezza che la Russia abbia contribuito a creare la criptovaluta nazionale del Venezuela e che il governo russo abbia potuto svolgere un ruolo essenziale nell’avvio del progetto, Mosca, tramite il ministero delle Finanze , ha smentito simili accuse.

Inoltre, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha emesso un decreto che ordina a tutte le imprese statali di accettare la criptovaluta nazionale, oltre che istituire due nuovi uffici pubblici per gestire gli affari della criptovaluta del paese.

Nonostante i dubbi e le accuse internazionali sulla validità del Petro, il regime chavista è ovviamente molto entusiasta della sua creazione: Maduro ha affermato di recente che le sanzioni degli Stati Uniti contro il suo paese aveva aumentato l’interesse per il Petro da parte degli investitori internazionali, compresi gli stessi americani che avrebbero contravvenuto al divieto.

Graziella Giangiulio