VENEZUELA. “Abbandonare la strada facilita la dittatura”

53

L’opposizione venezuelana, Mesa de Unidad Democratica – Mud, ha invitato i suoi sostenitori a riprendere le proteste anti-governative nel fine settimana dopo che i suoi due ultimi appuntamenti  per scendere in piazza non hanno ricevuto una grande partecipazione.

Il deputato Freddy Guevara, coordinatore del gruppo Will Will, ha dichiarato in conferenza stampa a Caracas che ci saranno almeno altre due manifestazioni nei comuni di Chacao e El Hatillo, entrambi bastioni anti-Chavista e una a Marcia, anche se il punto di partenza e la destinazione non sono stati annunciati.

I manifestanti erano stati chiamati in strada per sostenere i sindaci dei due distretti, gli esponenti  dell’opposizione Ramon Muchacho per Chacao e David Smolansky per El Hatillo, che la Corte Suprema ha condannato a 15 mesi di carcere e interdetto dai pubblici uffici per aver consentito l’innalzamento di barricate sulle strade locali durante le proteste anti-governative.

«È una conclusione scontata, che la strada sia la forza principale dell’opposizione; se l’abbandoniamo, ci arrendiamo. Abbandonare le strade è abbandonare la democrazia. Sbarazzarsi della strada facilita la dittatura», ha detto Guevara ripreso da Laht.

Al momento, non si sa se il Mud convocherà ulteriori manifestazioni in altre regioni del Venezuela.

Tra aprile e luglio, il Mud ha mobilitato centinaia di migliaia di cittadini a Caracas e nei 23 stati del paese per protestare contro il governo di Nicolas Maduro e, in seguito, contro il suo piano, senza consultare in anticipo il popolo, di istituire un’Assemblea Costituente Nazionale per riscrivere la costituzione. L’ondata di proteste ha fatto più di 120 morti, circa 2.000 feriti e più di 5.000 protestanti arrestati. Le manifestazioni sono cessate, temporaneamente, il 30 luglio, proprio nel giorno in cui i membri dell’Assemblea costituzionale sono stati eletti con l’incarico di ristrutturare lo Stato e di applicare in toto la rivoluzione bolivariana all’interno del Venezuela.

Anna Lotti