VENEZUELA. 700 arresti in un giorno e l’esercito difende Maduro con la vita

125

L’ufficio Onu per i diritti umani ha detto che le forze di sicurezza in Venezuela hanno arrestato quasi 700 persone in un solo giorno la scorsa settimana durante le proteste antigovernative; si tratta del più alto numero di arresti effettuati in un solo giorno nel paese in almeno 20 anni. Il portavoce dell’ufficio diritti Rupert Colville, riporta Ap, ha detto il 29 gennaio che 696 persone sono state arrestate e detenute nella giornata del 23 gennaio. Complessivamente, circa 850 persone sono state trattenute tra il lunedì e il sabato, compresi 77 bambini.

Colville ha detto che più di 40 persone sarebbero state uccise in modi diversi durante le recenti proteste, tra cui 11 uccise da individui non identificati legati ad episodi di saccheggio, ha detto che un membro della Guardia Bolivariana sarebbe stato ucciso nello stato di Monagas.

Nel frattempo, il ministro della Difesa venezuelano ha promesso che le sue truppe sono pronte a morire in difesa del regime e ha esortato i soldati del paese a resistere all’imperialismo e a lottare per l’indipendenza. Vladimir Padrino Lopez ha fatto questo discorso durante una parata in una base militare a Caracas, il 28 gennaio. Padrino ha denunciato il movimento internazionale per deporre il presidente Nicolas Maduro e ha esortato le sue truppe a rimanere ferme di fronte alle interferenze straniere.

L’esercito del paese è rimasto finora fedele a Maduro, e Guaido ha tentato di mobilitare il sostegno all’interno delle forze armate offrendo un’amnistia per tutte le truppe che disertassero e si unissero all’amministrazione parallela. Ma la proposta di Guaido non sembra aver trovato interesse in Padrino, 55 anni, che è ministro della Difesa dal 2014. Il primo ad aver accettato l’offerta di Guaidò, è stato  l’addetto militare venezuelano negli Usa, colonnello Jose Luis Silva, che si è schierato con Guaido. Annunciando la sua decisione in un video postato sui social media, Silva ha esortato i suoi colleghi: «Per favore, fratelli, non attaccate il nostro popolo. Lo stato ci ha dato le armi per proteggere il nostro paese, non per toccare i nostri pari».

«È tempo di attivismo rivoluzionario, bolivariano, patriottico», ha detto il ministro Padrino dall’account ufficiale del ministero della Difesa e rilanciato dal Ministro stesso: «Questo è l’attivismo che oggi ci autorizza in questa nuova fase di difesa della nostra patria. Non abbiamo intenzione di consegnarlo! Siamo pronti a morire in sua difesa».

Il ministro ha anche elogiato l’establishment militare per essersi opposto ai «continui attacchi dell’imperialismo americano». Maduro ha sostenuto che l’ingerenza degli Stati Uniti in Venezuela costituisce un tentativo di colpo di stato: «Non saremmo indegni di indossare questa uniforme e questi simboli patriottici, se non affrontassimo questo difficile momento di sicura minaccia contro la patria (…) Di fronte a qualsiasi aggressione, di qualsiasi natura e intensità, difenderemo il Venezuela perché ci appartiene».

Antonio Albanese