Stop alla compravendita di petrolio da IS

27

IRAQ – Baghdad. 10/12/14. Nuova legge per punire chi fa affari con ISIS.  A quanto si apprende dall’agenzia di stampa Bas News, un certo numero di deputati curdi sono i firmatari di un disegno di legge che punirà le persone accusate di impegnarsi in contrabbando di petrolio con lo Stato islamico (IS) militanti.

La commissione d’inchiesta presenterà una relazione alla leadership parlamentare curda. Secondo il rapporto, 15 persone curde al momento sono stati arrestati per il reato di contrabbando di petrolio con organizzazioni terroriste e diverse altre persone sono sotto inchiesta. Firsat Sofi, un membro del comitato del commercio del Petrolio, ha detto BasNews che un gruppo di parlamentari hanno firmato una lettera per chiedere alla leadership parlamentare del Kurdistan di approvare una legge che punisce contrabbandieri di petrolio nella regione del Kurdistan, una legge simile è stata approvata in altre parti dell’Iraq. Si tratta della «Legge Adraft che è stato preparato dal parlamento di Baghdad che punisce coloro che sono direttamente o indirettamente coinvolti nella vendita o petrolio di contrabbando», ha detto Sofi. Ha sostenuto che il parlamento del Kurdistan ha il diritto di modificare e aggiungere alla legge, compresa l’imposizione di penalità più severe contro i responsabili. «Abbiamo informazioni su contrabbando di petrolio da Kirkuk da alcuni curdi e 15 persone sono state arrestate, le indagini su molti altri in corso», ha aggiunto Sofi. Il  parlamentare ha osservato che le leggi antiterrorismo saranno attuate nei confronti degli imputati, che non hanno alcuna possibilità di sfuggire dalla giustizia. Tuttavia, il capo del Comitato per le Risorse Naturali, Sherko Jawdat, ha detto a BasNews, «Il lavoro della commissione d’inchiesta non è ancora finito. Restano alcune decisioni da prendere».