Cooperazione V4 Corea del Sud

20

REPUBBLICA CECA – Praga 06/12/2015. La Corea del Sud entra in un nuovo mercato delle infrastrutture in Europa centrale.

Il presidente sudcoreano Park Geun-hye e i leader di Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia hanno deciso di formare un organo consultivo ad alto livello. Park ha partecipato ad un vertice con i leader del Gruppo di Visegrad a Praga il 4 dicembre per discutere di cooperazione politica, economica e culturale. Il Gruppo di Visegrad, noto anche come “Visegrad Four” o semplicemente “V4”, è un’alleanza creata nel 1991, e il presidente sudcoreano è stato il primo a partecipare ad un vertice del gruppo. Park Geun-hye si è unita al primo ministro ceco Bohuslav Sobotka, a quello ungherese Viktor Orban, a quello polacco Beata Szydlo e al primo ministro slovacco Robert Fico, riporta il Korea JoongAng. Secondo una nota della presidenza sudcoreana le due parti «hanno riconosciuto l’importanza di un ulteriore sviluppo delle infrastrutture in Europa centrale e orientale per facilitare la crescita economica e hanno deciso di considerare l’istituzione di una riunione ad alto livello V4-Corea per lo sviluppo infrastrutturale, che esplorarà le opportunità per il trasporto e la cooperazione nelle infrastrutture, comprese autostrade, ferrovie e Its (Intelligent Transport System)». Oltre alla consultazione sugli investimenti in infrastrutture, Seul e i V4 hanno concordato di collaborare nella politica energetica. Dopo l’adesione all’Unione europea nel 2004, i quattro paesi di Visegrad sono stati riconosciuti come il nuovo motore della crescita dell’economia europea. Il prodotto interno lordo totale dei quattro paesi era il 2 per cento dell’Unione europea nel 1995, ma è arrivato a 5,42 per cento nel 2014, anno in cui i quattro paesi hanno mostrato una crescita media del 2,8 per cento nelle loro economie, più del doppio della media del tasso di crescita economica dell’Ue. L’Unione europea ha deciso di creare un fondo del valore 430.000 miliardi di euro vinto 2014-2020 per risolvere gli squilibri tra i suoi membri. Di quei soldi, il 40 per cento è stato destinato allo sviluppo dei quattro paesi di Visegrad, che li intendono investire in parte in progetti infrastrutturali. Secondo la presidenza di Seul, le società coreane sono particolarmente interessate a diversi progetti nella regione. Il governo ungherese selezionerà una società sudcoreana per un progetto di miglioramento della metropolitana di Budapest nel 2016; in Polonia, le aziende coreane stanno partecipando ad una gara d’appalto per un sistema di esazione del pedaggio, nel 2016. La Corea è anche interessata alla costruzione di un reattore nucleare in Slovacchia. I 5 leader hanno deciso di lavorare insieme per sostenere la loro partnership “economica creativa” attraverso la cooperazione nel campo della scienza e della tecnologia e della cultura, firmando un memorandum d’intesa per avviare un programma di ricerca congiunto. Park ha inoltre promosso la sua iniziativa Eurasia che mira a collegare energia e logistica dall’Estremo Oriente, dalla Corea in Siberia, con l’Asia centrale e l’Europa orientale e occidentale. Accogliendo con favore la sua iniziativa, i quattro paesi hanno promesso di rafforzare la cooperazione con la Corea nel settore dei trasporti, la logistica e le comunicazioni. Nel 2014, il Gruppo di Visegrad è stato il secondo più grande partner commerciale della Corea all’interno dell’Unione europea dopo la Germania.