Uzbekistan: dimezzata la mortalità infantile

76

UZBEKISTAN – Tashkent 29/11/2015. In Uzbekistan nel periodo 2002-2013, il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni è passato dal 24,3 al 12 per 1.000 nati vivi.

Questi dati, riporta Uz24, sono stati presentati nella relazione sugli obiettivi di sviluppo del Millennio. Dal 2002 al 2013, il tasso di mortalità infantile è stato dimezzato: oggi i decessi infantili sono il 12 per mille su 1.000 nati vivi.
Nella relazione si rileva che la percentuale di bambini di età inferiore a 5 anni che sono sottopeso è diminuita passando dal 3,8 per cento del 2001 al 1,6 per cento nel 2013. La prevalenza di anemia tra i bambini nel Karakalpakstan, nelle regioni di Khorezm e Ferghana è scesa dal 66,6 per cento al 32,9 per cento.
Secondo le Nazioni Unite nell’anno 2012, il paese con il tasso di mortalità infantile più alti è stato la Sierra Leone: 127 morti per 1.000 nati vivi.
Secondo l’Oms, le principali cause di morte nei bambini sotto i 5 anni sono le complicanze associate a parto pretermine (17%); polmonite (15%); complicazioni durante il travaglio e il parto (11%); diarrea (9%) e la malaria (7%). La malnutrizione gioca un ruolo in quasi la metà di tutti i decessi di bambini sotto i 5 anni.