UZBEKISTAN. Nasce il Centro per la strategia di sviluppo

64

Diverse organizzazioni pubbliche e statali hanno avviato la costituzione del Centro per la “strategia di sviluppo” dell’Uzbekistan, destinato a coordinare l’attuazione della strategia per le cinque direzioni prioritarie di sviluppo del paese nel periodo 2017-2021. L’istituzione di questo centro è prevista nel programma dello stato dedicato al “dialogo con le persone e gli interessi umani”. L’istituzione del Centro è stata approvata dal decreto presidenziale e prevede la creazione di un relato non governativa, riporta Tashkent Times.

L’Istituto indipendente per il monitoraggio della formazione della società civile, Istituto per il monitoraggio della normativa vigente sotto il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan, la Camera di Commercio, la Camera degli avvocati dell’Uzbekistan, l’Accademia della pubblica amministrazione sotto il patrocinio del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan, l’Associazione Nazionale dei mass media elettronici, l’Associazione nazionale delle organizzazioni non profit non governative dell’Uzbekistan sono i soci fondatori di questo Centro non governativo sulla “strategia di sviluppo” che è un ente senza scopo di lucro.

Il Centro si propone di consolidare gli sforzi per una efficace organizzazione di esperti e dibattiti pubblici, l’approfondimento e l’attuazione delle misure previste dalla strategia, così come la partecipazione attiva dei rappresentanti della società civile delle istituzioni, di esperti e scienziati nei processi di democratizzazione e modernizzazione del paese.

I suoi compiti includono informazioni e attività di supporto di analisi nel quadro della strategia, studiando la migliore esperienza estera.

Il centro potrà inoltre presentare sue proposte per l’effettiva attuazione della strategia di azione, compresa la preparazione di bozze e altri atti legali, previsti dal programma dello stato e di stabilire una cooperazione con le organizzazioni internazionali, in tema di ricerca scientifica, informativo-analitici e le istituzioni educative.

Le fonti di finanziamento del Centro sono i fondi di assistenza tecnica, le sovvenzioni da parte di organizzazioni nazionali e internazionali, organizzazioni non governative, i fondi dei ministeri e delle agenzie per condurre studi e analisi, e altri.

Maddalena Ingroia