17 uzbeki dello Stato Islamico uccisi in Iraq

66

UZBEKISTAN – Tashkent. 01/10/14. Secondo gli analisti del Centro Asia il Califfato dopo l’Iraq e l’Afghanistan, dopo la diffusione in Asia centrale, arriverà in Uzbekistan. Nel frattempo uz.News sostiene che 17 combattenti uzbeki dello stato islamico sono stati uccisi ieri in Iraq. 

Ne è convinto il presidente dell’Istituto russo del Medio Oriente, Eugene Satanovskiy, che ha rilasciato una intervista alla testata Uz.news. «Il Califfato, la cui creazione del gruppo “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante” (ISIL) è stata annunciata è diventato lo “stato” più violento del mondo non riconosciuto» ha detto il numero uno dell’Istituto russo del Medio Oriente. Si tratterebbe di una serie B di islamisti radicali che vengono anche dall’Asia centrale. ISIS può permettersi di pagare lavoratori migranti e combattenti grazie alle rapine in banca, così come la vendita di petrolio e manufatti storici sul mercato nero. Inoltre continua il docente ISIS «è un quasi-stato: emette un passaporto, arrivato a decine di migliaia di persone da tutto il mondo, soprattutto medici e ingegneri». La Guida al califfato favorisce la formazione di «contingenti nazionali».
Tra i migliori combattenti in ISIS vi sarebbero i ceceni, daghestani solo con ex passaporto russo a combattere in Siria e in Iraq vi sarebbero oltre 2000 persone. I numeri sono stati forniti dall’esperto Kazakistan Erlan Karin in un recente rapporto sulla partecipazione dei cittadini dei paesi dell’Asia centrale in attività estremiste il Medio Oriente, ha detto che in Siria è già apparso gruppo uzbeko di militanti “Jamaat Imam Bukhari.” 17 di essi sono stati uccisi ieri, 30 settembre, nei bombardamenti alleati. Altri 3.000 sarebbero gli europei presenti in Siria.
Secondo Erlan Karin, nelle file degli islamisti vi sarebbero 250 kazaki, kirghisi 100, 190 tagiki, uzbeki 500 e circa 360 persone provenienti da Turkmenistan. cosa motiva le persone dall’Asia centrale, e come ci arrivano in Siria? È invece la domanda girata da Uz.new a Eugene Satanovskiy.
Secondo lo studioso in realtà i combattenti in Siria dall’Asia Centrale potrebbero essere da 1-5000 combattenti i dati precisi sono difficili da ottenere, variano ampiamente a seconda delle fonti. Molto probabilmente, saranno tre o quattromila. Asiatici centrali, se non vivono nella regione, ci arrivano in gran parte attraverso la Russia e poi Turchia, più raramente, attraverso l’Europa. La fede nel Califfato rappresenta il futuro del mondo -almeno quello islamico; il desiderio di ricevere esperienza militare; brama di potere, denaro e permissivismo; sensazione di cameratismo – a jihadisti che combattono in Afghanistan e ai loro parenti e amici nei paesi dell’Asia centrale. I giovani romanticizzano la jihad e l’ambizione di fare carriera. La testata ha poi chiesto a Satanovskiy come reclutato nuovi sostenitori di ISIS, e quali misure devono essere adottate per ridurre al minimo il reclutamento di nuovi combattenti provenienti dall’Asia centrale?
Il Reclutamento viene fatto all’estero per chi fermenta Hajj, studi o nel paese d’origine dopo che una cellula islamista è sorta per tale scopo, si utilizzano risorse online (in particolare siti di compagni di classe e FaceBook -. ndr) Per fermarli bisogna costruire un rapporto stretto con le autorità pubbliche, per stabilire il pieno controllo sulla vita religiosa, la soppressione rapida ed efficace dei gruppi radicali. Particolare attenzione dovrebbe essere data alle autorità cooperano con i leader religiosi e la preparazione dei più brillanti imam non corrotti che lavorano a stretto contatto con le autorità.

Tra i paesi più a rischio arruolamento il Kirghizistan, che gestisce la mafia della droga e clan criminali. Contrabbandieri nel paese sono forti, e il governo è debole. Qatar e Arabia Saudita hanno aperto ambasciate in Kirghizistan come trampolino di lancio per lo sviluppo di un futuro “Primavere Centro Asiatiche” che da questo paese poi si espanderebbero su altri paesi per contagio in tutta la regione tranne il Turkmenistan. Che resta la sola e unica possibilità del Kirghizistan per respingere i radicali.
La SCO (Shanghai Cooperation Organization) in Uzbekistan ha costruito rigida verticalizzazione del potere, che tende a respingere l’opposizione fuori dal paese come quella Islamica. Ma questo non significa nulla, se non che il Movimento islamico dell’Uzbekistan più importante si trova nella valle di Fergana. Si tratta di una struttura classica.
In Turkmenistan c’è un altro problema: i salafiti che sono situati lungo il confine afgano-turkmeno, ci sarebbero un certo numero di insediamenti nella al confine con il Turkmenistan sul ​​lato afghano, in cui si sono già verificati scontri con le guardie di frontiera che sono state uccise. Ma il vero pericolo, secondo lo studioso arriva dal terrorismo di ritorno in quanto sono uomini addestrati al combattimento pronti a far saltare qualsiasi regione al momento giusto, questi jihadisti sono fenomenali anche come reclutatori per lo più giovani cellule dell’Islam radicale, e si formano intorno a dove vivono, crescono in una zona dove si basano sulla Sharia e sostituire lo Stato, che ha costretto o sopprime – con un sacco di sangue, come in “moschea rossa” di Islamabad o nella valle di Swat in Pakistan.
La parte più difficile per lo studioso è la gestione dell’intelligence per trovare, fermare, ISIS in quanto gli islamisti radicali controllano le comunità musulmane dell’Unione europea, gli Stati Uniti, il Canada, ecc … Aiuterà il divieto delle attività di eventuali strutture missionarie provenienti dall’estero, tra cui fondazioni, scuole, college e università con la componente islamista dal traffico di rete turca “Nur” Fathullo Gulen ai salafiti e i “Fratelli Musulmani”, che inevitabilmente ovunque e sempre uniscono attività politica con il terrorismo. Eliminazione delle cellule islamiste con privazione della cittadinanza e espulsione all’estero per i predicatori della campagna radicale, isolamento in carcere degli islamisti dai criminali comuni, non importa quanto siano impopolari le misure, basta che aiutino.