UZBEKISTAN. I quattro fattori contro la radicalizzazione

54

L’Uzebkistan cerca di comprendere e affrontare la radicalizzazione islamica nel paese. Qual è la ragione della crescente radicalizzazione dei giovani e come può essere neutralizzata? Secondo il ministero degli Esteri dell’Uzbekistan, ripreso da Uzbekistan Today, ci sono quattro fattori necessari per risolvere il problema.

Il primo è l’accesso all’istruzione di qualità.

In particolare, si tratta dell’educazione, dell’istruzione e della formazione spirituale e morale della gioventù. A questo proposito, a Tashkent, verrà creato il Centro Culturale Islamico ed il suo motto sarà “L’educazione contro l’ignoranza”.

La seconda è la creazione di un clima di intolleranza a qualsiasi forma di manifestazione di estremismo religioso.

Per ottenerlo è necessario svolgere un importante lavoro educativo e di promozione con le ONG, i media, la televisione, il cinema e il coinvolgimento della cultura e dell’arte.

Il terzo è la formazione di un’ideologia argomentata e scientifica, basata sulla vera interpretazione degli scritti islamici sacri.

È necessario per sradicare l’ideologia dell’estremismo religioso. Il grande contributo a questo presta la partecipazione attiva del clero dell’Asia Centrale ai lavori sulla creazione a Samarcanda del Centro Internazionale per lo studio del patrimonio religioso dei nostri grandi antenati.

Il quarto è garantire la tolleranza interetnica, migliorare il benessere delle persone e mantenere il dialogo con il popolo.

Il concetto di tolleranza religiosa in Uzbekistan si è trasformato in un’atmosfera d’armonia religiosa e d’apertura. In altre parole, la nostra unità è nella diversità. Particolare attenzione è rivolta al mondo del lavoro, in particolare all’occupazione dei laureati di collegi professionali e università, all’attuazione dei programmi d’edilizia abitativa per migliorare il livello e la qualità della vita delle persone nelle regioni considerate particolarmente vulnerabili al reclutamento terroristico.

L’Uzbekistan sostiene l’adozione accelerata della Convenzione Generale delle Nazioni Unite sulla lotta contro il terrorismo internazionale e sostiene la creazione di un nuovo Dipartimento per la lotta contro il terrorismo delle Nazioni Unite.

Redazione