USA. Washington vende armi leggere a Kiev

100

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la licenza di esportazione verso l’Ucraina; Kiev potrà acquistare alcuni tipi di armi leggere e armi di piccolo calibro dai produttori statunitensi. A rischio riapertura, quindi, lo scontro ucraino, visto che la Russia ha iniziato il rientro delle sue truppe che erano schierate in Siria.  

La licenza riguarda armi da fuoco semiautomatiche e automatiche fino al calibro 50 mm, fucili da combattimento, silenziatori, visori militari e altri oltre alle parti di ricambio.

Non è consentita la vendita di armi più pesanti, come i missili anticarro Javelin, richiesti dall’Ucraina per rafforzare le sue capacità contro i separatisti filo russi di Donetsk e Luhansk, riporta Rferl. Secondo The Washington Post, la decisione del Dipartimento di Stato è una «chiara rottura» con la politica del passato. Ma il dipartimento di Stato ha replicato che: «Sotto le precedenti due amministrazioni, il governo degli Stati Uniti ha approvato licenze di esportazione in Ucraina, quindi quest’ultima non è niente di nuovo».

Secondo Reuters, l’Ucraina ha comprato piccole quantità di armi leggere per diversi anni, sia prima che dopo l’annessione russa della Crimea nel marzo 2014.

Gli esportatori statunitensi potranno richiedere licenze di vendita commerciale diretta, che vengono esaminate dal Dipartimento di Stato caso per caso, ha detto Nauert. Nauert ha detto che il governo degli Stati Uniti non ha fornito direttamente attrezzature letali difensiva per l’Ucraina, ma non ha escluso di farlo.

Il direttore del Joint Chiefs of Staff, il generale Joseph Dunford, aveva raccomandato che gli Stati Uniti fornissero armi difensive letali all’Ucraina per aiutare il paese a “proteggere la sua sovranità». Dunford, poi, residente dei Joint Chiefs of Staff, ha affermato in una testimonianza resa dinanzi alla Commissione per le forze armati del Senato il 26 settembre, che la proposta di fornire armi letali all’Ucraina era in attesa di una decisione della Casa Bianca.

Lucia Giannini