USA. Washington colpisce la rete finanziaria di Hezbollah

63

La scorsa settimana, l’Ufficio per il controllo dei beni esteri, Ofac, del dipartimento del Tesoro statunitense, ha colpito le operazioni commerciali di Hezbollah, designando sei persone e sette entità ai sensi “collegati al terrorismo”. In particolare, Ofac ha designato Jihad Muhammad Qansu residente in Libano, Ali Muhammad Qansu, Issam Ahmad Saad, e Nabil Mahmoud Assaf, e Abdul Latif Saad e Muhammad Badr-Al-Din con residenza in Iraq, per aver agito per conto o a nome del membro e finanziere Hizballah Adham Tabaja o della sua società, Al-Inmaa Engineering e Contraente e finanziatore Adham Tabaja o della sua società, Al-Inmaa Engineering, riporta un comunicato del Tesoro Usa. Inoltre, Ofac ha designato il gruppo Blue Lagoon Group Ltd con sede in Sierra Leone e Kanso Fishing Agency Limited, Star Trade Ghana Limited con sede in Ghana, Dolphin Trading Company Limited con sede in Liberia, Sky Trade Company e Golden Fish Liberia Ltd. e Golden Fish S. A. L. con sede in Libano, per essere posseduta o controllata da Ali Muhammad Qansu. 

Come risultato delle designazioni, tutti i beni e gli interessi in proprietà di queste persone soggette alla giurisdizione degli Stati Uniti sono bloccati, e ai cittadini e istituzioni statunitensi è generalmente vietato effettuare transazioni con loro.

«Hezbollah è un’organizzazione terroristica responsabile della morte di centinaia di americani. È anche il principale rappresentante dell’Iran usato per minare i legittimi governi arabi in tutto il Medio Oriente. L’Amministrazione è determinata ad esporre e a distruggere le reti di Hezbollah, comprese quelle in tutto il Medio Oriente e Africa occidentale, utilizzate per finanziare le loro operazioni illecite», ha detto il segretario del Tesoro Steven T. Mnuchin. «Il dipartimento del Tesoro continuerà a separare Hezbollah dal sistema finanziario internazionale, e saremo implacabili nell’identificare, esporre e smantellare le reti di sostegno finanziario di Hezbollah a livello globale».

Ognuna delle sei persone fisiche e sette entità designate sono soggette a sanzioni secondarie ai sensi del Regolamento sulle sanzioni finanziarie di Hezbollah, che attua la legge internazionale per la prevenzione dei finanziamenti di Hezbollah del 2015. Secondo tale autorità, Ofac può proibire o imporre condizioni rigorose all’apertura o al mantenimento negli Stati Uniti di un conto corrispondente o di un conto di pagamento da parte di un istituto finanziario estero che faciliti consapevolmente un’operazione significativa per Hezbollah, o di una persona che agisce per conto o sotto la direzione di, o in possesso o sotto il controllo di Hezbollah.

Le azioni odierne si rivolgono alla rete di Adham Tabaja e Al-Inmaa Engineering and Contracting, che Ofac ha designato come Global Terrorists nel giugno 2015. Tabaja ha mantenuto legami diretti con alti funzionari Hezbollah e con la componente operativa di Hezbollah, la Jihad islamica. Al-Inmaa Engineering and Contracting è stata una delle imprese immobiliari più grandi e di maggior successo in Libano dalla fine degli anni ’90 e ha fornito sostegno finanziario e infrastrutture organizzative a Hezbollah. 

Hezbollah è stato designato dal dipartimento di Stato come Organizzazione terroristica straniera nell’ottobre 1997 e nell’ottobre 2001. È stato inserito nell’elenco del gennaio 1995 contro i terroristi che minacciano di perturbare il processo di pace in Medio Oriente, e designato nell’agosto 2012 come sostenitore del governo della Siria.

Maddalena Ingrao