USA. Washington apre la rotta Indo-Pacifica contro la cinese Nuova Via della Seta

66

Il governo degli Stati Uniti sta per espandere le sue attività infrastrutturali nella regione Asia-Pacifico utilizzando nuovi programmi di investimento per contrastare la politica estera di sviluppo impostata da Pechino. Annunciata dal Segretario di Stato Mike Pompeo il 30 luglio, l’iniziativa segna l’impegno dell’amministrazione Trump a essere coinvolta nella regione indopacifica.

Pompeo visiterà il Sud-Est asiatico dal 1 al 5 agosto, quando dovrebbe annunciare i piani di finanziamento per la regione, riporta Scmp. In risposta all’ambiziosa “Belt and Road Initiative” della Cina, un gruppo di progetti infrastrutturali e di energia che Pechino ha utilizzato per affermare la sua influenza in Asia e oltre, la “Indo-Pacific Economic Vision” di Pompeo aumenterà il sostegno finanziario che il governo degli Stati Uniti fornisce ai paesi della regione attraverso una proposta di fusione, la US International Development Finance Corporation, Usidfc. Oltre a 113 milioni di dollari in investimenti diretti del governo, il piano raddoppierebbe il tetto di spesa globale per la società di finanziamento allo sviluppo a 60 miliardi di dollari, che potrebbero essere utilizzati per fornire alle società private prestiti per progetti all’estero.

La nuova iniziativa economica rischia di alimentare sospetti da parte di Pechino e di peggiorare relazioni già tese con la Cina, che Pompeo non ha menzionato. Parlando all’Indopacific Business Forum di Washington, Pompeo ha detto che maggiori investimenti sarebbero diventati un pilastro della strategia indopacifica del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La nuova iniziativa sarà sostenuta da un accordo trilaterale di investimento tra Stati Uniti, Giappone e Australia che è stato introdotto in contemporanea al Forum.

«Noi tutti vogliamo che tutte le nazioni, ogni nazione, siano in grado di proteggere la loro sovranità dalla coercizione da parte di altri paesi. Vogliamo la risoluzione pacifica delle controversie territoriali e marittime. Il nostro impegno non esclude nessuna nazione», ha detto Pompeo, senza menzionare la Cina. «Dovunque va l’America, noi cerchiamo il partenariato, non il dominio. Crediamo nei partenariati strategici, non nella dipendenza strategica. Il popolo americano e il mondo intero hanno un interesse nella pace nella prosperità dell’Indo-Pacifico, ed è per questo che deve essere libero e aperto», ha detto il Segretario di Stato. 

Pompeo ha dichiarato che gli Stati Uniti investiranno 113 milioni di dollari in nuove tecnologie, energia e iniziative infrastrutturali nell’Asia. Inoltre, Washington avrebbe speso 25 milioni di dollari per espandere le esportazioni di tecnologia Usa nella regione, aggiungendo quasi 50 milioni di dollari quest’anno per aiutare i paesi a produrre e immagazzinare le loro risorse energetiche e creare una nuova rete di supporto per promuovere lo sviluppo delle infrastrutture.

Graziella Giangiulio