USA. Trump potenzia il nucleare militare di Washington

63

Donald Trump ha inviato alla Difesa Usa il programma nucleare della nazione, alla Difesa del paese e presto eliminerà vincoli sull’arsenale per includervi i dispositivi nucleari miniaturizzati.

La nuova Nuclear Posture Review, Npr, una serie di raccomandazioni della Casa Bianca emanate ogni otto anni, includerebbe un piano per rimuovere i vincoli al Dipartimento dell’Energia e modificare il D5 Trident lanciato dai sottomarini (nella foto).

Lo scopo è quello di scoraggiare la Russia a proseguire nello sviluppo di testate miniaturizzate; gli Stati Uniti hanno accusato Mosca di sviluppare missili da crociera lanciati a terra che violano il trattato sulle forze nucleari intermedio, Inf, del 1987; accusa che Mosca ha definito falsa, riporta Sputnik.

L’attuale politica del Pentagono lungo il fianco orientale della Nato è stata incentrata su questa presunta violazione. La Npr era stata rivista da Amministrazione Obama; la postura amplia anche la portata delle situazioni in cui gli Stati Uniti avrebbero risposto con la forza nucleare, come attacchi non nucleari che provocano massacri, danni alle infrastrutture critiche o mirati ai centri di comando e controllo nucleari. Sui missili lanciati dai sottomarini era poi molto critica: questi missili si sarebbero rivelati persino un rischio per la sicurezza in caso di guerra nucleare, poiché il lancio del missile balistico avrebbe rivelato la posizione del sottomarino e lo avrebbe reso vulnerabile al contrattacco.

Questa politica sembra indirizzata contro la Corea del Nord; il piano dovrebbe essere reso pubblico dopo l’intervento sullo Stato dell’Unione di Trump alla fine di gennaio, che sembrerebbe più minaccioso di quello svelato da Obama nel 2010; l’amministrazione Obama, infatti, ha cercato di ridurre la dipendenza degli Stati Uniti sulle armi nucleari.

L’attuale Npr è ancora meno estremista della prima versione trapelata, che comprendeva piani per costruire un iperglide nucleare: un missile ipersonico con una traiettoria matematica casuale, quasi impossibile da fermare. Il progetto originario comprendeva anche la rimozione dell’impegno degli Stati Uniti di non utilizzare mai armi nucleari contro gli Stati non nucleari.

Tommaso dal Passo