USA. Trump come Erdogan e Putin verso i mass media

41

Stephen J. Adler, presidente e direttore di Reuters ha riconosciuto la sfida posta dalla copertura mediatica della presidenza di Donald Trump e l’ha confrontata con i regimi autoritari come ad esempio Egitto e Yemen.

«Non capita tutti i giorni che un presidente degli Stati Uniti definisca i giornalisti “gli esseri umani più disonesti sulla terra”» ha scritto Adler ha scritto in un messaggio al personale ripreso dal media Usa Raw Story. «Non c’è da stupirsi che l’aria sia densa di domande e teorie su come coprire la nuova Amministrazione».

Adler ha citato come esempio il lavoro dell’agenzia in «Turchia, Filippine, Egitto, Iraq, Yemen, Thailandia, Cina, Zimbabwe e Russia» per riportare notizie sull’Amministrazione Trump.

L’agenzia potrebbe usare l’esperienza imparata in «nazioni nelle quali a volte incontriamo una combinazione di censura, persecuzione legale, smentite, e anche minacce fisiche ai nostri giornalisti».

Tra gli altri consigli, l’agenzia di stampa ha sottolineato che i giornalisti dovrebbero «preoccuparsi meno degli accessi ufficiali (…) Non erano mai di valore in molti casi. La nostra copertura dell’Iran è stata eccezionale, e non abbiamo praticamente nessun accesso ufficiale. Quello che abbiamo sono le fonti (…) girate per la nazione per saperne di più su come le persone vivono, cosa pensano, ciò che le aiuta e ciò che le danneggia e come sembrano a loro il governo e le sue azioni, non come sembrano a noi». Nella lettera Adler ha incoraggiato i giornalisti a «non essere intimiditi» da parte dell’Amministrazione.

«Non sfogate pubblicamente quella che potrebbe essere comprensibile frustrazione del giorno per giorno. In innumerevoli altri paesi, manteniamo la nostra professionalità in modo che possiamo fare la nostra segnalazione senza essere sospettati di avere preconcetti. Abbiamo bisogno di farlo anche negli Stati Uniti (…) Non tratteggiate troppo in negativo l’ambiente: è un’opportunità per noi di mettere in pratica le competenze che abbiamo imparato in posti molto più duri in tutto il mondo e di dare l’esempio, e quindi di fornire informazioni più fresche, più utili, fornendo la migliore informazione di qualsiasi altra agenzia di stampa».

Antonio Albanese