Chi ha ucciso Stankovic e Stepic?

11

SERBIA – Belgrado 25/02/2016. Il ministro degli Interni serbo, Nebojsa Stefanovic, ha detto alla televisione di stato Rts che le autopsie condotte in Libia e in Serbia sui corpi dei due diplomatici, Sladjana Stankovic e Jovica Stepic, hanno chiaramente stabilito che le lesioni che hanno causato le morti sono state il risultato di «detonazioni forti e bombe».

«Non conosciamo su che fondamenti si basi la presa di posizione del Pentagono secondo cui non vi è alcuna informazione affidabile sul fatto che i due diplomatici serbi siano stati uccisi dalle bombe americane (…) Siamo pronti a sentire se il Pentagono ha prova in tal senso, invece di storie, e, naturalmente, le prenderemo in considerazione, ma per ora non abbiamo nulla, tranne una storia», ha detto Stefanovic, ripreso da B92.
Il 24 febbraio, il dipartimento della Difesa statunitense ha detto di non aver ricevuto alcuna prova effettiva che suffragasse la notizia secondo cui la morte dei due ostaggi serbi sia stata causata dall’attacco degli Stati Uniti la scorsa settimana in Libia. il portavoce del DoD, Geoff Davis ha detto, infatti, che era stata fatta un’analisi approfondita del campo e non risultava la presenza di civili al uso interno e che dall’analisi delle foto i due diplomatici sarebbero stati portati nel sito bombardato dopo l’attacco e che non c’era «nulla che indicasse che le loro morti fossero il risultato del bombardamento». Stankovic e Stepic (nella foto) erano stati rapiti da un convoglio di veicoli diplomatici a Sabratha, in Libia a novembre 2015 e tenuti in ostaggio fino alla morte, avvenuta il 19 febbraio in un attacco aereo americano nei pressi della stessa città.