Mosca e Washington unite nella lotta contro ISIS

8

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 19/’6/2015. Russia e Stati Uniti sono entrambe interessate a combattere il terrorismo e intendono continuare la cooperazione su questo tema nonostante le tensioni per la crisi ucraina. Lo ha annunciato il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in undocuemnto uifficiale uscito il 19 giugno.

Questa pesante affermazioni politica viene fatta all’interno del Country Reports on Terrorism 2014; il Dipartimento di Stato ha stabilito che «i meccanismi di comunicazione e di cooperazione sono rimasti”, nonostante la sospensione di alcuni programmi bilaterali antiterrorismo a causa delle differenze “di approccio” sul conflitto in Ucraina. La collaborazione comprende il ruolo antiterrorismo svolto dalla Russia negli organismi multilaterali ad hoc. Mosca collabora con le indagini degli Stati Uniti, condotte dal Fbi, sull’attentato alla maratona di Boston, in cui sono stati coinvolti cittadini ceceni, riporta il documento del Dipartimento di Stato.

I rapporti politici tra gli Stati Uniti e la Russia si sono deteriorati nel 2014 per la crisi in Ucraina, conta conseguenza che un numero di contatti e programmi bilaterali tra i due paesi sono stati congelati.
Per quel che riguarda i rapporti cola Russia e la presenza di minacce islamisti radicali nel territorio della Federazione, nel documento si legge che il terrorismo islamico e quello separatista nel Caucaso del Nord continuano ad essere la principale minaccia terroristica in Russia che Mosca stava affrontando nel 2014: «Gruppi separatisti ed estremisti islamici che chiedono un califfato pan-islamico nel Caucaso del Nord costituiscono le principali minacce terroristiche». Lo studio aggiunge che la Russia ha riconosciuto lo Stato Islamico come un’organizzazione terroristica con tutte le conseguenze che ne possono derivare.