USA. Riprendono i colloqui sino-americani su difesa e sicurezza

35

Pechino e Washington sono pronte ad abbassare il livello della contrapposizione nella questione che riguarda le acque che circondano Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale. Alti funzionari della difesa e diplomatici cinesi e statunitensi si incontreranno questa settimana per un nuovo round del dialogo bilaterale sulla sicurezza.

Il ministro della Difesa cinese, Wei Fenghe, e il capo dell’Ufficio degli Affari Esteri, Yang Jiechi, incontreranno il segretario alla Difesa statunitense James Mattis e il segretario di Stato Mike Pompeo nell’ambito di un quadro stabilito a Mar-a-Lago, quando gli attuali capi di Stato dei due paesi si sono incontrati per la prima volta, il prossimo 9 novembre a Washigton, riporta AsiaTimes.

Un viaggio di Wei Fenghe a Washington, previsto per settembre, era stato annullato dopo che gli Stati Uniti avevano imposto sanzioni contro un dipartimento dell’Esercito di Liberazione del Popolo e diversi suoi funzionari. Dopo quella battuta d’arresto nelle comunicazioni bilaterali, l’incidente che stava per provocare una collisione tra le navi militari statunitensi e cinesi nel Mar Cinese Meridionale ha suscitato le proteste degli Stati Uniti, che hanno descritto le manovre cinesi come “non sicure” e “non professionali”.

Il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha dichiarato in una conferenza stampa che le due parti si scambieranno opinioni sui legami bilaterali e sulle questioni di interesse comune, secondo Efe.

Gli Stati Uniti, nel frattempo, hanno effettuato per la seconda volta quest’anno i sorvoli B-52 sul Mar Cinese Meridionale e hanno attraversato per la seconda volta con una nave da guerra lo Stretto di Taiwan, suscitando nuove proteste da parte di Pechino. Gli alti funzionari della difesa dei due paesi hanno avuto la possibilità di incontrarsi ad ottobre a margine di un vertice multilaterale sulla sicurezza, ma all’epoca sono stati fatti pochi progressi nell’appianare le controversie. Il ministero degli Esteri ha dichiarato in una conferenza stampa che le due parti si scambieranno opinioni sui legami bilaterali e sulle questioni di interesse comune.

La ripresa dei contatti ad alto livello avviene dopo una conversazione telefonica la scorsa settimana tra il presidente americano Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping, che potrebbero incontrarsi a margine del vertice del G20 in Argentina alla fine di questo mese.

Luigi Medici