USA. Prepara la guerra se vuoi la pace

89

La 2018 Nuclear Posture Review cambia l’ambiente strategico, basandosi su un approccio legato alle minacce. Secondo quanto riporta un comunicato del Dipartimento della Difesa Usa, il comandante del Comando Strategico degli Stati Uniti, generale John E. Hyten ha precisato la visione Usa sui rapporti di forza che si andranno ad aprire, o che sono già aperti, con altre nazioni. 

La Review del 2018 è la quarta revisione della politica nucleare, la postura e i programmi nucleari dalla fine della guerra fredda. L’ambiente strategico si è notevolmente evoluto negli ultimi due decenni: «I nostri avversari stanno costruendo e operando armi strategiche, non come un esperimento scientifico, ma come una minaccia diretta per gli Stati Uniti d’America».

L’ambiente strategico è dinamico e cambia costantemente, ha detto il generale, osservando che l’approccio degli Stati Uniti per la dissuasione deve essere altrettanto dinamico per affrontare tali minacce: «Questo approccio deterrente su misura richiede capacità flessibili che includano un ampio mix di rendimenti e piattaforme modernizzate per scoraggiare in modo credibile lo spettro degli avversari e delle minacce che affrontiamo oggi e in futuro», ha dichiarato Hyten.

«Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per affrontare le minacce di oggi (…) Ma potrebbero mancare in futuro (…) La mia preoccupazione è che se non agiamo ora entro il prossimo decennio, diversamente da me, uno dei miei successori potrebbe non avere le adeguate capacità flessibili e su misura per dare al presidente degli Stati Uniti la possibilità di affrontare adeguatamente un ambiente di sicurezza incerto e in evoluzione», ha detto Hyten.

«Il modo migliore per prevenire il conflitto è quello di prepararsi ad esso, (…) Essere pronti ad imporre costi inaccettabili e negare qualsiasi vantaggio che possa essere percepito dagli avversari. Questo è deterrente».

Hyten ha osservato che la Nuclear Posture Review definisce ed espande il significato della copertura contro un futuro incerto sulle armi nucleari: «Come si è visto negli ultimi dieci anni, l’ambiente di sicurezza può cambiare rapidamente. La tecnologia è in continua evoluzione. Gli avversari stanno cercando di utilizzare queste tecnologie per far progredire le proprie capacità e mettere a rischio la nostra. Copertura contro un futuro incerto significa essere sempre pronti, sempre fiduciosi, qualunque sia il futuro. Ciò richiede una forza dispiegata agile, adattabile e un’infrastruttura reattiva, che richiede uomini e donne addestrati e istruiti, che si dedicano alla missione e portati per il successo. Significa anche avere la flessibilità per regolare la forza con nuove capacità e acquisire rapidamente sistemi», ha detto il comandante di StratCom.

Luigi Medici