USA. Per Mattis Pechino e Pyongyang pericolo per l’Asia-Pacifico

79

Il segretario alla Difesa Usa James Mattis degli Stati Uniti in visita in Giappone e il ministro della Difesa nipponico, Tomomi Inada il 4 febbraio hanno affermato che la crescente assertività marittima della Cina in Oriente e nel Mar Cinese Meridionale crea preoccupazione per la sicurezza nella regione Asia-Pacifico.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta dopo l’incontro, Mattis ha duramente criticato le attività marittime della Cina definendole «conflittuali», riporta Asahi Shimbun.

«Riconosciamo che la situazione sta cambiando tra le provocazioni nucleari della Corea del Nord, il comportamento sempre più conflittuale dalla Cina in Oriente e nel Mar Cinese Meridionale (…) Abbiamo visto, nel Mar Cinese Meridionale, che la Cina ha fatto a pezzi la fiducia delle nazioni della regione, cercando apparentemente di avere un’autorità di veto sulle condizioni diplomatiche e di sicurezza ed economiche degli Stati confinanti».

Per quanto riguarda le isole Senkaku nel Mar Cinese orientale, prosegue il quotidiano giapponese, controllate dal Giappone, ma rivendicate dalla Cina, Mattis ha confermato che le isole sono territori sotto amministrazione giapponese e, di conseguenza, di cui rientrano nell’articolo 5 del Trattato di Sicurezza Giappone-Stati Uniti che obbliga gli Stati Uniti a difendere i territori giapponesi.

L’incontro del 4 febbraio è stato il primo tra i ministri della Difesa dei due paesi dopo l’inizio dell’Amministrazione di Donald Trump.

Durante l’incontro, Mattis non ha toccato la questione della copertura dei costi della presenza statunitense in Giappone. Tokyo era allarmata perché Trump aveva sollevato questo problema in campagna elettorale.

Mattis, invece, ha elogiato la ripartizione dei costi tra il Giappone e gli Stati Uniti per il mantenimento di una presenza militare degli Stati Uniti.

«La condivisione dei costi nippo-americana potrà servire da esempio per le altre nazioni» ha detto Mattis.

Sul trasferimento dei marine Usa da Okinawa, ad Henoko, Mattis ha detto che Henoko è l’unica soluzione.

Sulla questione dei programmi di sviluppo nucleare e missilistico della Corea del Nord, i due paesi hanno convenuto che questi programmi rappresentano una grave minaccia per la sicurezza del Giappone, degli Stati Uniti e della regione.

Antonio Albanese