Regno Unito deluso dagli USA

61

REGNO UNITO – Londra. 03/04/14. L’agenzia di stampa Telam, argentina, ha pubblicato la notizia secondo cui «sulle Falklands: il Parlamento britannico si è detto “deluso” dagli Stati Uniti per il dialogo con l’Argentina».

La commissione per gli affari esteri ha rilasciato oggi un rapporto dettagliato sugli aspetti commerciali e politici del “rapporto speciale” dell’amministrazione Obama, con un paragrafo intitolato “Case Study: le Falklands (sic)”. La commissione che ha redatto il rapporto è composta da cinque rappresentanti del partito conservatore, cinque del lavoro e un liberal-democratico, che ha detto che gli Stati Uniti «non devono prendere posizione sulle rivendicazioni di sovranità delle isole».
Il governo americano non ha cambiato il suo atteggiamento e, come il resto della comunità internazionale non ha riconosciuto la legittimità del referendum nelle isole dello scorso anno. «Gli USA hanno sempre detto che appoggiano i negoziati tra il Regno Unito e l’Argentina per risolvere il problema», ha aggiunto. Spiegando che anche se il Foreign Office britannico ha sollevato la controversia “ai massimi livelli”, il governo degli Stati Uniti ha cambiato la sua posizione e, come il resto della comunità internazionale non ha riconosciuto la legittimità del referendum nelle isole dello scorso anno. I parlamentari hanno concluso che la posizione di Washington è “deludente” e citato l’ex ambasciatore britannico Nigel Sheinwald in quella città, che ha riconosciuto che la situazione «è scomoda e non è quello che vogliamo».

La relazione ha raccolto il commento di James Boys, professore di Studi di Politica Internazionale presso l’Università di Richmond (Londra), che ha riferito che la Malvinas «non sono abbastanza importanti per rovinare le relazioni tra i due Paesi» . Tuttavia, il comitato della Camera dei Comuni ha criticato Obama sostenendo che «il Regno Unito consente di utilizzare altri due territori d’oltremare, Ascensione e Diego Garcia, e basi militari».