USA. L’Open Source Insurgency di Trump è finita

69

È comparsa nel bel blog Global Guerrillas del polemologo statunitense John Robb, un’interessante analisi sulla parabola politica di Donald Trump, e sul suo “commissariamento”. 

«Trump è nella Casa Bianca, oggi, perché una open source insurgency lo ha messo lì.  Ho scritto per la prima volta un anno e mezzo fa (febbraio 2016) dell’open source insurgency di Trump. A quel punto, era già evidente che Trump avrebbe vinto non solo le primarie, ma le elezioni (…)  il vero obiettivo comune dell’insurrezione di Trump era “l’opposizione ad un’istituzione fallita”.

Quell’obiettivo tenne insieme l’insurrezione che lo mise in carica, nonostante gaffe, scandali, perdite, ecc. che avrebbero posto fine alla carriera politica di qualsiasi altro candidato (…) La ragione per chiuso non loca fatto: i mass media.

I media sono la voce degli interessi dell’establishment (sicurezza sociale, economica e nazionale), li rafforzano.  Hanno anche spiegato ogni fallimento dell’establishment (…) statunitense, come se non si fosse mai verificato. I media hanno mantenuto viva l’insurrezione attraverso la loro opposizione massiccia alla presidenza di Trump e Trump ha contribuito a mantenerla in vita provocando i media ad ogni turno (…).

Quell’insurrezione è ormai finita.  Il suo anello Ooda (observe, orient, decide, and act) si è fracassato. Preoccupato che Trump avrebbe messo fine alle politiche di spesa e alle politiche statunitensi esistenti (in gran parte ancora orientate alle priorità della Guerra fredda), il personale militare dirigente dell’Amministrazione di Trump ha lanciato una contro-insurrezione contro l’insurrezione. Hanno avuto successo (…)

Ecco come:

Gli ex generali hanno assunto il controllo delle posizioni chiave del personale.

Hanno depurato i membri del personale che facevano parte dell’insurrezione e hanno messo un accesso strettamente limitato a Trump.

Infine, e soprattutto, hanno preso il controllo del flusso di informazioni di Trump.

Quell’ultimo passo ha cambiato tutto. Il generale Kelly, capo di stato maggiore di Trump, ha messo Trump a dieta mediatica (…) Inoltre, ai membri del personale viene ora impedito di raccontargli di  nascosto storie provenienti da fonti non approvate durante il giorno (…).

In breve, controllando il flusso di informazioni di Trump con i social media/le reti, i generali hanno distrutto il circuito Ooda dell’insurrezione.  Privo di questo legame, Trump è ora alle prese con il tempo per soddisfare le esigenze dell’estasblishemnt (…)

Se è vero, cosa possiamo aspettarci ora?  

La popolarità di Trump cadrà oltre il 20, mentre i suoi principali sostenitori – ampi segmenti dell’insurgency si allontaneranno definitivamente e coloro che vi si sono opposti continueranno ad opporvisi».

Redazione