USA. La base Lunare NASA avrà la sua rete 4G. Inizia la conquista

71

La Nasa mira a riportare gli esseri umani sulla Luna entro il 2024 e a impiantarvi una presenza a lungo termine nell’ambito del suo programma Artemis.

Nokia è stata scelta dalla Nasa per costruire la prima rete cellulare sulla Luna, ha detto la società finlandese, mentre l’agenzia spaziale statunitense progetta un futuro in cui gli esseri umani vi ritornino e stabiliscano insediamenti Lunari.

Nokia ha detto che il primo sistema di comunicazione a banda larga senza fili nello spazio sarà costruito sulla superficie Lunare verso la fine del 2022, prima che gli esseri umani vi facciano ritorno, riporta The Telegraph.

La società svedese collaborerà con un’azienda privata texana di progettazione di navicelle spaziali, Intuitive Machines, per portare l’attrezzatura alla Luna sul loro lander Lunare. La rete si configurerà e stabilirà un sistema di comunicazione 4G/LTE sulla Luna, ha detto Nokia, anche se l’obiettivo sarà quello di passare alla fine al 5G.

La rete darà agli astronauti capacità di comunicazione vocale e video, e permetterà la telemetria e lo scambio di dati biometrici, così come il dispiegamento e il controllo remoto di rover Lunari e altri dispositivi robotici, secondo la società.

La rete sarà progettata per resistere alle condizioni estreme del lancio e dell’atterraggio Lunare e per operare nello spazio. Dovrà essere inviata sulla Luna in una forma estremamente compatta per soddisfare i rigorosi vincoli di dimensioni, peso e potenza dei carichi utili spaziali. Nokia ha detto che la rete utilizzerà il 4G/LTE, in uso in tutto il mondo.

Marcus Weldon, Chief Technology Officer di Nokia e Presidente di Nokia Bell Labs, ha dichiarato: «Facendo leva sulla nostra ricca storia di successo nelle tecnologie spaziali, dalle pionieristiche comunicazioni satellitari alla scoperta della radiazione cosmica di fondo a microonde prodotta dal Big Bang, stiamo ora costruendo la prima rete di comunicazioni cellulari in assoluto sulla Luna. Reti di comunicazione affidabili, resistenti e ad alta capacità saranno la chiave per sostenere una presenza umana sostenibile sulla superficie Lunare. Costruendo la prima soluzione di rete wireless ad alte prestazioni sulla Luna, i Nokia Bell Labs piantano ancora una volta la bandiera dell’innovazione pionieristica oltre i limiti convenzionali».

La rete Lunare di Nokia è costituita da una stazione base LTE con funzionalità Evolved Packet Core integrate, apparecchiature utente LTE, antenne RF e software di controllo ad alta affidabilità per le operazioni e la manutenzione. La soluzione è stata appositamente progettata per resistere alle dure condizioni del lancio e dell’atterraggio Lunare e per operare nelle condizioni estreme dello spazio. La rete cellulare completamente integrata soddisfa i vincoli molto severi di dimensioni, peso e potenza dei carichi utili spaziali in un fattore di forma estremamente compatto.

Graziella Giangiulio