“Rinforzi” USA a Taqaddum

6

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 13/06/2015. Il presidente Barack Obama ha detto che le forze americane inviate nel nuovo centro operativo della guerra contro Stato islamico, non si impegneranno in combattimento, ma sosterranno le assediate forze irachene.

I compiti delle truppe alla base aerea di Taqaddum spazieranno dalla consulenza ai comandanti iracheni all’addestramento di fanteria a quello logistico e integrato. I 450 uomini inviati a Taqaddum lavoreranno con l’8a divisione dell’esercito iracheno, che cerca di riorganizzarsi e, infine, guidare la controffensiva a Ramadi contro le forze islamiste. Gli americani stanno già operando in diverse altre basi in tutto il paese per l’addestramento, consulenza e assistenza agli iracheni, che hanno avuto un successo limitato contro i militanti islamici negli ultimi 18 mesi. La presenza di Taqaddum, vicino al fiume Eufrate a 75 km a ovest di Baghdad, mette le forze Usa dentro la lotta contro lo Stato Islamico: a 25 km, una mezz’ora di macchina, ad est di Ramadi, capoluogo della provincia di Anbar, e circa 15 km a ovest di Falluja, controllata anch’essa da parte dello Stato islamico. Adiacente al lago Habbaniya, la base era stata utilizzata dalle forze americane che hanno preso il paese nel 2003 per rovesciare Saddam Hussein; ad aprile 2015, elementi della 8a divisione dell’esercito iracheno sono stati coinvolti nella disfatta di Ramadi. Il ruolo degli americani a Taqaddum dovrebbe anche essere quello di reclutare nuove forze dalle tribù sunnite della regione.