USA. Il panico da Covid19 scatena la corsa all’acquisto

76

La Nielsen Holdings, società americana, che monitora più di 900.000 negozi in 100 Paesi, ha riscontrato «picchi significativi nell’accaparramento dei rifornimenti di emergenza” negli Stati Uniti, in Cina e in Italia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che l’acquisto e l’accaparramento creati dal panico per il Covid 19 hanno contribuito a una carenza globale di maschere facciali, che mette a rischio gli operatori sanitari, ad esempio.

Gli scaffali dei negozi di Taiwan, della Cina e del Giappone sono stati svuotati di disinfettanti per le mani, carta igienica, candeggina e tamponi per la pulizia, e gli Stati Uniti stanno assistendo a simili scene. Allo stesso tempo, alcuni venditori hanno iniziato ad aumentare i prezzi dei prodotti; le grandi catene di distribuzione e logistica come Amazon, eBay e Walmart hanno detto che stanno agendo per fermare il fenomeno.

Il rapporto Nielsen ha rilevato, ad esempio, riporta Usa Today, che le vendite di maschere mediche nelle farmacie di San Francisco sono aumentate del 541% rispetto a un anno fa e che le vendite di quest’anno hanno già superato quelle di tutto il 2019. Le vendite di maschere facciali mediche nelle farmacie di Los Angeles sono aumentate del 340%, dice Nielsen.

Anche le vendite di maschere per la manutenzione della casa sono salite alle stelle a livello nazionale, con un incremento del 262% rispetto al mese precedente: «Le scorte di disinfettanti per le mani e di maschere facciali mediche si sono già prosciugate in alcuni mercati, senza una chiara indicazione di quando le forniture saranno reintegrate», ha detto Nielsen.

Il panico dell’acquisto sta andando oltre gli articoli di emergenza come conserve, farina, zucchero e acqua in bottiglia, per arrivare ad altri beni di prima necessità non alimentari come vitamine, snack alla frutta e kit di pronto soccorso, dice il rapporto della divisione di Nielsen per la ricerca sui beni di consumo e la vendita al dettaglio.

Le vendite di fagioli secchi ad esempio sono aumentate del 10,1%, mentre le vendite di frutta surgelata sono aumentate del 7% nella settimana che si è conclusa il 22 febbraio, secondo il rapporto Nielsen.

Il comportamento attuale degli acquisti e delle scorte è simile a quello visto prima delle tempeste di neve: al di là della tradizionale attenzione per il latte, il pane e le uova, i consumatori ora sono ancora più concentrati sui prodotti confezionati senza un contatto diretto ed esteso, che forse sono stati confezionati durante le fasi meno gravi dell’epidemia. La ricerca Nielsen ha rilevato che in Vietnam, il 45% dei consumatori intervistati afferma di aver aumentato le scorte a casa e il 25% acquista di più online.

«Al di là della preparazione sanitaria, i consumatori statunitensi non aspettano che sia troppo tardi per fare scorta di prodotti essenziali stabili sugli scaffali, il che è parallelo a quanto abbiamo visto in altre regioni del mondo (…) Ci aspettiamo che gli acquisti online aumentino man mano che le persone diventano sempre più interessate a ridurre la loro esposizione agli altri, dato che il virus sembra diffondersi attraverso tosse e starnuti», si legge nel rapporto.

Altri prodotti che cominciano a vedere un aumento delle vendite sono i purificatori d’aria, le cui vendite sono aumentate del 3% nella settimana che si è conclusa il 22 febbraio. Si prevede che a breve scarseggeranno lozioni disinfettanti per mani e corpo.

Maddalena Ingroia