USA. Hackerate le telecamere di Washington

58

Pochi giorni prima dell’insediamento di Donald Trump, un gruppo di hacker aveva craccato il 70 per cento dei dispositivi di memorizzazione dei dati provenienti dalle telecamere di sorveglianza federali a Washington D.C. Il colpevole è un ransomware, cioè un malware che blocca i file del computer e poi chiede un riscatto in Bitcoin, per sbloccare i file.

La minaccia ora è passata infatti dai computer e dagli smartphone all’Internet delle cose. Questa volta gli hacker sono riusciti a infettare 123 dei 187 videoregistratori che controllano ognuno fino a quattro Tvcc utilizzate negli spazi pubblici in tutta Washington D.C., che li ha messi off line tra il 12 e il 15 gennaio, riporta The Hacker News.

Stando poi al Washington Post, l’attacco ha costretto l’amministrazione ha rimuovere le memorie infette, pulirle e riavviare il sistema in tutta la città. Non è ancora chiaro se tutti i dati importanti siano stati persi o se il ransomware abbia solo paralizzato i dispositivi di rete dei computer colpiti.

Gli attacchi ransomware hanno il vantaggio di essere sicuri e redditizi tanto che oggi è diventato uno dei più utilizzati metodi di hacking.
Washington non è stato l’unico esempio: in Austria, un hotel ha visto hackerato il suo sistema informatico e ha pagato per tornare al controllo dei propri sistemi.

L’unico modo sicuro di affrontare la minaccia dei ransomware è la prevenzione; creare la consapevolezza all’interno delle organizzazioni, e mantenere i back-up che devono essere effettuati regolarmente, riporta il blog The Hacker News.

La maggior parte dei virus e delle infezioni vengono introdotti con l’apertura di allegati o cliccando su link in email di spam. Quindi sarebbe buona regola non cliccare su mail da indirizzi sconosciuti. Inoltre occorre assicurarsi sempre che i sistemi e dispositivi utilizzati abbiano la versione più recente del software antivirus con le definizioni aggiornate dei malware.

Lucia Giannini