USA. Esoscheletri da guerra per i soldati americani

117

L’esercito americano sta investendo milioni di dollari nella sperimentazione dell’esoscheletro per rendere i soldati più forti e più resistenti, allo scopo di equipaggiare una nuova generazione di “super-soldati”. La tecnologia è stata sviluppata dalla Lockheed Martin Corp con una licenza della canadese B-Temia, riporta Reuters,  che per prima ha sviluppato gli esoscheletri per aiutare le persone con difficoltà di mobilità derivanti da patologie mediche come la sclerosi multipla e l’osteoartrite grave.

Indossato sopra un paio di pantaloni, l’esoscheletro a batteria utilizza una serie di sensori, intelligenza artificiale e altre tecnologie per favorire i movimenti naturali. Per l’esercito americano, il fascino di questa tecnologia è chiaro: i soldati si schierano ora in zone di guerra pieni da attrezzature pesanti come armature, occhiali per la visione notturna e radio; con un peso che oscilla tra i 40 e i 64 kg, quando il limite raccomandato è di soli 23 kg. La conseguenza è che il soldato arriva al fronte già stanco perché porta con sé troppo peso.   

La Lockheed Martin ha annunciato di aver ricevuto 6,9 milioni di dollari dal U.S. Army Natick Soldier Research, Development and Engineering Center per la ricerca e lo sviluppo dell’esoscheletro, chiamato Onyx. Secondo Lockheed Martin, le persone che indossavano gli esoscheletri hanno mostrato una resistenza molto maggiore allo sforzo prolungato.

Ogni esoscheletro dovrebbe costare decine di migliaia di dollari; il punto di origine, cioè il sistema medico canadese di B-Temia, chiamato Keeogo, è venduto in Canada per circa 39.000 dollari. Gli Stati Uniti non sono l’unico paese che sta studiando la tecnologia degli esoscheletri, anche la Russia e la Cina stanno investendo in tecnologie esoscheletriche, “in parallelo” ai progressi degli Stati Uniti. Mosca starebbe lavorando su diverse versioni di esoscheletri, tra cui uno che ha testato recentemente in Siria. L’esoscheletro è solo una delle tante nuove tecnologie che vengono sperimentate in guerra e che poi hanno un riflesso nella vita quotidiana.

Luigi Medici