USA. Esiste ancora la libertà di stampa al Pentagono?

78

Il paese che dà le pagelle al mondo sulla libertà di stampa e sull’importanza di fare un giornalismo libero da condizionamenti politici e finanziari sta facendo vivere tempi bui ai mass media. Il presidente e la sua Amministrazione hanno iniziato una guerra vera e propria con i mass media statunitensi. L’ufficio stampa del Pentagono ha già limitato l’accesso a briefing, interviste e viaggi con Jim Mattis. Ma nelle ultime settimane, diversi giornalisti delle più grandi testate Usa hanno detto di sentirsi sempre più oggetto di ritorsioni per le storie che hanno scritto, perdendo sempre più gli accessi e le entrature che avevano. 

Secondo quanto riporta Politico, la scorsa primavera, i funzionari del Pentagono hanno bloccato un reporter che stava per andare embedded con le truppe all’estero a seguito di una storia pubblicata che hanno ritenuto troppo critica. Ma non si tratta dell’unico e ultimo caso. Tuttavia, i giornalisti del Pentagono dicono che il tipo di tattiche che stanno notando, insieme con l’erosione dell’accesso ai funzionari del Dipartimento della Difesa, rendono sempre più difficile fornire informazioni critiche ai lettori americani sulle attività del Dipartimento della Difesa, un settore enorme dell’Amministrazione Trump che controlla miliardi di dollari di spesa e supervisiona le truppe degli Stati Uniti in patria e all’estero.

«Si respira un clima punitivo se non scrivi quello che gli piace», ha detto un giornalista a Politico. Un altro reporter ha detto: «Non è raro che un’amministrazione controlli ciò che fanno i reporter. Ciò che è insolito ora è che questo viene utilizzato per valutare se saremo inclusi nelle cose o invitati agli eventi (…) Non è mai stato così evidente». 

I giornalisti che si trovano esclusi dai briefing o dal viaggio con l’Ufficio stampa, apparentemente con poche spiegazioni, si sono chiesti se ciò fosse la conseguenza di qualcosa che hanno detto o scritto. 

Di tanto in tanto Mattis passeggia nei pressi della sala stampa del Pentagono per parlare con i giornalisti e, quando lo fa, il suo staff di solito invia una e-mail per avvisare i giornalisti, ma il messaggio in genere non raggiunge tutti. Di conseguenza, i giornalisti hanno iniziato ad avvisarsi a vicenda quando arriva un simile avviso.

Data la particolarità del loro lavoro, i reporter del Pentagono sono rimasti tradizionalmente al di sopra dell’agone politico. I giornalisti che lavorano fuori dal centro stampa del Pentagono sono liberi di vagare per la maggior parte delle aree dell’edificio, e molti hanno lavorato lì per anni, fatto che ha permesso loro di costruire forti relazioni, soprattutto con il personale non politico. Ma molto di tutto questo è andato perduto sotto Trump.

Antonio Albanese