USA. Esercitazioni di emergenza assieme alla Cina

204

Le forze armate cinesi e statunitensi parteciperanno alle Hawaii questo mese ad un’esercitazione congiunta di addestramento in caso di calamità. Il ministero della Difesa cinese ha detto che più di 200 uomini del People’s Liberation Army’s Eastern Theatre Command e dell’United States Army Pacific prenderanno parte all’esercitazione che inizia il 14 e si concluderà il 24 novembre.

Esercizi simili, riporta Scmp, hanno avuto luogo ogni anno dal 2013 – l’anno scorso si è tenuta nella città cinese orientale di Nanchino – e la loro continuazione rappresenta un raro esempio di sforzi per costruire ponti tra le due parti.

I due paesi hanno anche annunciato la cooperazione in settori come il commercio internazionale di oppiacei, ma gli osservatori hanno detto che questi sforzi non sarebbero stati sufficienti da soli per superare le tensioni causate dalla guerra commerciale e i loro reciproci sospetti. Mentre i due eserciti cooperano alle esercitazioni umanitarie, le crescenti ambizioni strategiche della Cina in altri settori hanno destato crescente preoccupazione.

L’anno scorso gli Stati Uniti hanno ritirato l’invito alla Cina all’esercitazione multinazionale Pacific Rim, a causa della «continua militarizzazione cinese del Mar Cinese Meridionale», dove ha ampliato la sua presenza e le infrastrutture militari in acque contese. Un’altra fonte di tensione è stato il crescente esame delle domande di visto da parte di studenti e accademici cinesi che hanno dovuto affrontare a causa delle preoccupazioni statunitensi in materia di sicurezza. A tal proposito l’11 novembre è comparso un articolo dell’ambasciatore statunitense Terry Branstad per il China Youth Daily, la rivista ufficiale della Lega della Gioventù Comunista, in cui viene detto che l’America ha accolto gli studenti cinesi nelle sue università.

Nonostante le forti tensioni, sono rimasti vivi esempi di cooperazione a lungo termine come gli sforzi per controllare la fornitura di fentanil, la droga al centro della crisi statunitense degli oppiacei. 

In una recente dichiarazione pubblica congiunta, Washington e Pechino hanno fornito i dettagli delle prime importanti operazioni congiunte che coinvolgono le forze dell’ordine di entrambi i paesi, dopo che un trafficante in Cina è stato condannato a morte, poi sospesa, e altri otto sono stati incarcerati.

Maddalena Ingroia