USA. Covid19, meno petrolio, turismo e pesca: Alaska in crisi

130

L’Alaska, al momento, sembra essere distante dalla pandemia del coronavirus, ma la sua economia è in condizioni critiche lo stesso per le conseguenze stesse della diffusione del virus. L’Alaska è particolarmente vulnerabile perché dipende dal petrolio, dal turismo e dalla pesca, settori colpiti proprio dallo sviluppo della pandemia.

Finora ci sono stati solo una dozzina di casi di coronavirus in Alaska sugli oltre 24mila negli Stati Uniti. Ma la pandemia ha rallentato la richiesta di carburanti, ha chiuso le attività commerciali e ha tenuto i residenti nelle loro case. Il prezzo del petrolio negli Stati Uniti è sceso a 23 dollari al barile a partire dal 20 marzo, riporta Reuters.

Questo calo costerà al Tesoro Usa tra i 500 milioni e i 700 milioni di dollari immediatamente, secondo l’Università dell’Alaska Anchorage.

Il fondo statale per il petrolio, la più grande fonte di entrate per le operazioni statali, sta vacillando. Con il crollo del mercato azionario, il fondo permanente dell’Alaska ha perso circa un decimo del suo valore in poco più di due settimane: al 16 marzo, il suo valore ammontava a 58,7 miliardi di dollari. Le grandi compagnie petrolifere hanno già annunciato tagli agli investimenti e al personale dell’Alaska nel North Slope. La ConocoPhillips, il principale produttore di petrolio dell’Alaska, ha detto che le riduzioni di spesa ridurranno la produzione del North Slope di duemila bpd, e la compagnia questa settimana ha imposto una sospensione di due settimane sui suoi voli per il North Slope, limitando la forza lavoro al personale “essenziale”.

La stagione turistica, da cui molte comunità dipendono per la maggior parte del loro reddito annuale, si sta rivelando un fallimento. Le compagnie di crociera hanno già cancellato le partenze, un duro colpo per i datori di lavoro che dipendono dai croceristi per il loro reddito.

L’industria dei frutti di mare, il più grande datore di lavoro del settore privato dello stato, sta affrontando una carenza di lavoratori del settore della trasformazione, una grande percentuale dei quali proviene da fuori degli Stati Uniti.

Solo pochi mesi fa le prospettive economiche erano più rosee. Lo Stato si stava tirando fuori da una prolungata recessione che ha visto la sua popolazione ridursi per tre anni consecutivi.

La ConocoPhillips aveva annunciato la più grande stagione di esplorazione invernale sul versante nord degli ultimi decenni; e assieme ad altre compagnie petrolifere stava accogliendo con favore i piani dell’amministrazione Trump per aprire le terre federali, compreso il Rifugio nazionale della fauna selvatica dell’Artico, allo sviluppo. 

L’Alaska produce circa 500mila barili al giorno, in calo rispetto ai 2 milioni di barili di 30 anni fa, e il suo costo di pareggio è di circa 39 dollari al barile. Ora, l’Alaska potrebbe non essere in grado di permettersi il normale dividendo annuale del Fondo permanente pagato in autunno e di bilanciare il bilancio allo stesso tempo. 

Lucia Giannini