No armi USA all’Azov

7

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 12/06/2015. L’11 giugno, all’interno della discussione, sugli stanziamenti per la Difesa per quest’anno, la Camera dei Rappresentanti statunitense ha approvato emendamenti bipartisan per bloccare l’addestramento delle milizie paramilitari ucraine “Battaglione Azov” e per impedire il trasferimento di “Stinger” in Iraq o in Ucraina.

Il Battaglione Azov è un corpo volontario di un migliaio di uomini della Guardia nazionale ucraina, definiti da Foreign Policy come «apertamente neonazista e fascista», che recluta elementi radicali “di destra” provenienti da tutta Europa, riporta l’agenzia Sputnik.

«Gli uomini dell’Azov utilizzano il simbolo neo-nazista del Wolfsangel (gancio del lupo) sulla loro bandiera e i membri del battaglione sono apertamente a favore della supremazia bianca, o sono antisemiti», ha scritto The Telegraph; secondo il Washington Post, i membri del battaglione «potrebbero potenzialmente colpire obiettivi filo-russi da soli, o anche rivoltarsi contro il governo ucraino» se tentasse una soluzione diplomatica al conflitto.

In precedenza, il ministro ucraino degli Interni, Arsen Avakov, che sovrintende sull’addestramento delle milizie armate ucraine, aveva annunciato che Azov sarebbe stata tra le prime unità addestrate dal Pentagono a prendere parte all’operazione Fearless Guardian, creando una significativa preoccupazione internazionale.

Il Battaglione Azov trae origine da un gruppo paramilitare nazionalsocialista chiamato “Patrioti dell’Ucraina”, che propagava idee sulla supremazia bianca, la purezza razziale, la necessità di un potere autoritario e di un’economia nazionale centralizzata; riporta Sputnik. Il suo fondatore, Andriy Biletsky, aveva dato vita al gruppo neonazista Assemblea Social-Nazionale nel 2008.
Da quando il Battaglione Azov è divenuto un reggimento della Guardia nazionale dell’Ucraina, nel settembre 2014, ha cominciato ricevere maggiori forniture di armi pesanti, e, contemporaneamente, Biletsky ha attenuato la sua retorica politica.