Distrutte le armi degli USA in Afghanistan

48

AFGHANISTAN – Kandahar Airfield. 22/06/13. L’esercito statunitense ha distrutto più di 170 milioni di sterline di veicoli e altre attrezzature militari in vista della sua ritirata dall’Afghanistan entro la fine del 2014.

 

Il massiccio sforzo di smaltimento a cui i funzionari militari statunitensi sono stati chiamati è senza precedenti. A lungo all’Interno del Pentagono si sono chiesti che cosa fare con le armi, mezzi e strumenti in vista di un rientro negli Stati Uniti. Alla fine i pianificatori militari hanno stabilito che per rimpatriare tali mezzi bisognava spendere la folle cifra di 7 miliardi di dollari, il 20 per cento del valore di quello che l’esercito americano ha lasciato Afghanistan: strumentazione, armi, veicoli. A conti fatti non conveniva riportarli a casa e quindi meglio distruggere tutto. 

Sì perché il timore è che il governo afghano, non sia in grado di gestire il patrimonio militare statunitense, non solo gli attuali regolamenti militari adottati dall’Afghanistan rendono praticamente impossibili le donazioni. Alcuni attrezzi possono essere venduti o donati a nazioni alleate, ma pochi sono potranno essere recuperati dalla zona di guerra.

Pertanto, gran parte di questo patrimonio militare continuerà ad essere triturato, tagliato e schiacciato per essere venduto per pochi centesimi alla libbra sul mercato dei rottami afgano. 

«Stiamo facendo la storia», dice il generale Kurt J. Stein, capo del 1 ° Sustainment Command, che supervisiona il prelievo in Afghanistan. «Questa è la più grande missione retrograda nella storia».

La parte più controversa e la stretta sorveglianza dello sforzo di attività di smaltimento di veicoli Mine-Resistant Ambush Protected, i veicoli costruiti in fretta e furia nel 2007 per contrastare la minaccia di bombe in Iraq e in Afghanistan. Gli autocarri di massa, noto come MRAPs, è diventato un simbolo della sanguinosa evoluzione delle guerre che dovevano essere brevi, ma che poi si sono rivelate lunghe e molto insidiose, dei veri e propri pantani.

Il Pentagono ha stabilito che12.300 dei suoi 25.500 MRAPs sparsi nelle basi in tutto il mondo verranno dismessi. In Afghanistan, i militari hanno contato circa 2.000 dei suoi circa 11.000 MRAPs “eccesso”. Circa 9.000 saranno spediti verso gli Stati Uniti e nelle basi militari statunitensi in Kuwait e altrove, ma la maggior parte dei veicoli non desiderati – che costano circa 1di dollari ognuno – saranno probabilmente triturati, i funzionari hanno detto, perché è improbabile che possano trovare clienti disposti a venirli a prendere.