URUGUAY. Sgravi fiscali all’agricoltura in ginocchio per la siccità

30

Il governo uruguaiano ha dichiarato un’emergenza agricola nella parte settentrionale del paese colpita dalla siccità e ha attivato il Fondo di emergenza agricola, Fae, per fornire prestiti senza interessi agli agricoltori e alle famiglie colpite.

Il ministero delle Politiche Agricole, dell’Allevamento e della Pesca ha dichiarato che i prestiti andranno a beneficio di circa 2.200 aziende zootecniche e lattiero-casearie, riporta Efe.

Lo stato di emergenza di 90 giorni comprende parti delle province di Artigas, Salto, Paysandu, Rivera, Tacuarembo, Rio Negro e Durazno. Anche attraverso il Fae, il governo fornirà agli agricoltori soia per nutrire il loro bestiame. I prestiti Fae saranno estesi a coloro che si registrano attraverso le organizzazioni rurali e contadine e che non hanno arretrati in sospeso con il Ministero per i prestiti precedenti.

Per essere ammissibile, un agricoltore non può avere più di 500 ettari di terreno; i mutuatari potranno rimborsare il prestito in due rate, nel luglio 2019 e nel luglio 2020. «In assenza di pioggia, il governo deve utilizzare “ogni strumento” a sua disposizione per affrontare la carenza di acqua», ha detto il ministro dell’Agricoltura Enzo Benech.

Il mondo agricolo del paese sudamericano è scosso anche da una serie di proteste per le difficili condizioni economiche e fiscali. A fine gennaio, il presidente uruguaiano Tabare Vazquez aveva incontrato i rappresentanti dei settori agricoli per annunciare misure per risolvere il conflitto con gli agricoltori che è scoppiato all’inizio di gennaio. Vazquez aveva annunciato un’estesa riduzione dei prezzi del carburante per le piccole e medie imprese agricole per affrontare «le principali difficoltà rilevanti» subite dai produttori di latte, riso e frutta e verdura: «Queste misure saranno integrate dall’istituzione di un gruppo di lavoro (…) per analizzare altre azioni potenziali a medio e lungo termine (relativamente alle politiche pubbliche strutturali)», ha dichiarato il presidente.

Vazquez aveva aggiunto che nessuna modifica del tasso di cambio rispetto al dollaro era stata presa in considerazione, nonostante la domanda del settore agricolo, perché così facendo si sarebbe danneggiata la maggior parte della società uruguaiana.

Tommaso dal Passo