UNIONE AFRICANA. Visti i legami con la Cina, gli effetti economici del coronavirus sono pesanti sul Continente

65

L’Unione Africana afferma che, nonostante il continente abbia un solo caso confermato di coronavirus, gli effetti dell’epidemia che hanno colpito più duramente la Cina si faranno sentire nel continente grazie ai suoi forti legami commerciali con il gigante economico asiatico.

Il presidente della Commissione dell’Ua, Moussa Faki, ha attribuito questo dato agli stretti legami economici tra i Paesi africani e la Cina, con circa 2 milioni di cinesi che vivono nel continente.

Faki è intervenuto durante un summit sotto l’egida dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie, su una risposta coordinata all’epidemia del coronavirus a cui hanno partecipato i ministri della Sanità africani ad Addis Abeba, in Etiopia.

«L’Africa ha confermato un solo caso di epidemia di coronavirus, ma l’Africa ne sta già risentendo economicamente e socialmente perché la Cina è uno dei nostri forti partner economici», ha detto Faki.

I ministri hanno discusso una serie di misure che il continente deve adottare per ridurre le possibilità che la minaccia si diffonda nei Paesi africani.

L’incontro si è svolto nel momento in cui la paura è aumentata per la crescente diffusione delle infezioni fuori dalla Cina a causa di nuovi focolai di coronavirus, e poiché l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito di una finestra sempre più stretta per arginare la diffusione della malattia.

L’avvertimento è arrivato quando l’Europa ha visto i suoi primi decessi per il Covid-19, che ora ha raggiunto più di 25 paesi e ha causato molte morti al di fuori della Cina.

Con l’aumento dei casi fuori dalla Cina, il capo dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha avvertito che la finestra di opportunità per contenere la diffusione internazionale dell’epidemia si stava restringendo.

Ghebreyesus ha avvertito che se i Paesi non si mobilitano rapidamente per combattere la portata del virus, «l’epidemia potrebbe andare in qualsiasi direzione. Potrebbe anche essere disordinata».

Il numero di nuovi casi in Cina al di fuori dell’Hubei, epicentro dell’epidemia, è stato generalmente in calo, anche se nuovi focolai sono emersi in prigioni e ospedali.

Maddalena Ingroia