UCRAINA. Zelensky domina le politiche

31

Sluha Narodu, Servitore della Patria, il partito guidato dal presidente ucraino Vladimir Zelensky, ha vinto le elezioni ucraine. Il Partito, che prende il nome dalla sitcom in cui Zelensky ha recitato prima di candidarsi e vincere la presidenza lo scorso aprile, ha preso tra il 42,7% e il 44,7% dei voti alle elezioni legislative del 21 luglio, secondo i sondaggi ripresi da Efe.

Già il risultato provvisorio dava a Zelensky un mandato significativo e metteva il suo partito nelle condizioni di avere la maggioranza assoluta nella Rada, il parlamento ucraino. Se i dati finali confermassero questo trend, si tratterebbe del miglior risultato in un’elezione parlamentare per qualsiasi partito da quando l’Ucraina ha ottenuto l’indipendenza da Mosca con il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991.

La popolarità di Zelenskiy ha riempito il vuoto creato dalla delusione diffusa con la politica in Ucraina, cinque anni dopo che la rivoluzione di Maidan ha portato un cambiamento della guardia politica. La maggior parte degli ucraini sono rimasti delusi dal mandato di Poroshenko, credendo che non abbia fatto abbastanza per affrontare la corruzione e la presa sulla politica di potenti oligarchi, riporta The Guardian.

Al secondo posto nella votazione, il partito filo russo Za zhyttya con il 12-13 per cento, mentre Yevropeys’ka Solidarnist’, guidato dall’ex presidente Petro Poroshenko, ha raccolto circa l’8,5 per cento dei voti. Secondo gli exit poll, a ottenere seggi in Parlamento è stato anche il partito Batkivschina dell’ex primo ministro Yulia Timoshenko, con circa il 7,5% dei voti. La grande sorpresa nelle elezioni di domenica è stato il partito Golos del rocker Sviatoslav Vakarchuk, che sembrava aver superato la soglia del 5% per ottenere seggi nel parlamento.

Nello scenario migliore per Zelensky, il suo partito e Vakarchuk potrebbero unirsi, guadagnando così una maggioranza e formando un governo senza bisogno di corteggiare Timoshenko, che aspira anche a guidare il governo.

Quasi 30 milioni dei 44,8 milioni di elettori ucraini si sono recati alle urne domenica per la terza volta in meno di quattro mesi dopo i due turni presidenziali, anche se la partecipazione è stata inferiore alle aspettative. Poiché finora sono stati resi pubblici solo i risultati dei sondaggi di uscita, Zelensky è apparso davanti ai giornalisti nella sede del suo partito e ha detto, come aveva fatto al momento del voto di domenica mattina, che il primo ministro fosse un tecnocrate, un “guru” economico e non un politico della “vecchia scuola”, come Timoshenko. Zelenskiy ha poi detto che le sue priorità principali erano «porre fine alla guerra, restituire i nostri prigionieri e sconfiggere la corruzione che persiste in Ucraina». Nell’est, continuano i combattimenti e quattro soldati ucraini sono stati uccisi durante il fine settimana da colpi di cecchino e da esplosioni di mine.

Inoltre, ha invitato Vakarchuk a tenere colloqui con lui e i suoi consiglieri per formare un governo. Nel frattempo, Vakarchuk ha detto che i cambiamenti in Ucraina dovrebbero iniziare nella Rada, dove molte forze politiche si oppongono sia all’approvazione di leggi anticorruzione sia ai piani di pace per la regione orientale di Donbas.

Antonio Albanese