UCRAINA. Zelenskiy promette: nella NATO con un referendum

97

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha promesso di indire un referendum sull’adesione alla Nato, mossa fortemente osteggiata da Mosca, mentre il paese intraprende un percorso di integrazione europea ed euro-atlantica. In un’intervista del 5 giugno con la Rferl, il neoeletto presidente Zelenskiy ha detto che l’Ucraina e il suo popolo ha il diritto, come nazione sovrana, di scegliere le alleanze che desiderano, indipendentemente dalle opinioni esterne.

«Ho detto che dobbiamo informare ogni ucraino su come è fatta la Nato, che non è così terribile, e quando gli ucraini saranno pronti, porteremo definitivamente la questione a un referendum, e l’Ucraina sarà sicuramente nella Nato», ha detto l’ex attore comico senza precedenti esperienze politiche che ha assunto la presidenza due settimane fa.

Zelenskiy ha commentato il secondo e ultimo giorno della sua visita a Bruxelles, il suo primo viaggio all’estero da quando è stato eletto, dove ha avuto colloqui con i massimi funzionari dell’Unione Europea e della Nato. Il giorno prima, Zelenskiy ha detto che la «rotta strategica dell’Ucraina per raggiungere la piena adesione all’Ue e alla Nato» è rimasta invariata rispetto all’obiettivo del suo predecessore, Petro Poroshenko.

Mosca ha espresso esplicitamente la sua opposizione all’ulteriore espansione della Nato, soprattutto per quanto riguarda l’Ucraina e la Georgia. Tbilisi sta anche cercando di diventare membro dell’alleanza militare occidentale. La lotta tra le forze governative e i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale ha ucciso circa 13.000 persone dall’aprile 2014.

Il cessate il fuoco annunciato come parte degli accordi di Minsk nel settembre 2014 e nel febbraio 2015 hanno contribuito alla diminuzione dei combattimenti nelle province orientali di Donetsk e Luhansk, ma non hanno resistito. La Nato e l’Unione europea hanno investito molto in Ucraina e nei suoi 44 milioni di persone, che oltre al conflitto e all’occupazione russa della Crimea devono affrontare una corruzione radicata e grandi ostacoli economici.

Il segretario Generale della Nato Jens Stoltenberg ha definito l’Ucraina un «partner molto apprezzato» che non «riconosce l’annessione illegale della Russia alla Crimea». Ma Zelenskiy, che ha condotto l’intervista del 5 giugno in sella ad una cyclette nella palestra di un hotel di Bruxelles, ha riconosciuto che Bruxelles aveva segnalato la delusione per i fallimenti democratici dell’Ucraina e il lento ritmo delle riforme: «Non voglio essere uno di quelli percepiti dai paesi europei come qualcuno che promette riforme e poi non riesce a svolgere il compito (…) Conosco le condizioni che accompagnano il sostegno popolare e sono pronto».

Zelenskiy, che è entrato in carica il 20 maggio dopo aver sconfitto Poroshenko, ha anche preso di mira coloro che diffondono voci di un possibile default sul debito del paese, notando che stava ancora collaborando con il Fondo Monetario Internazionale e adempiendo ai suoi obblighi.

Le due parti hanno concordato di lavorare su un nuovo programma di aiuti dopo le elezioni parlamentari di luglio, e Zelenskiy ha detto che la sua squadra stava spingendo per una legge che criminalizzasse l’arricchimento illecito da parte dei funzionari, condizione posta per una maggiore disponibilità di denaro del Fondo Monetario Internazionale.

«Se non adottiamo una tale legge, non credo che abbiamo il diritto di parlare di qualsiasi attività anti-corruzione in Ucraina», ha detto Zelenskiy.

Antonio Albanese