UCRAINA. Washington fornirà armi anti nave e anti aerei a Kiev

173

Gli Stati Uniti potrebbero mandare in Ucraina sistemi d’arma anti-nave e anti-aerei per difendersi da attacchi della Russia, se un disegno di legge democratico e appoggiato dai repubblicani diventasse legge.

Nel disegno di legge verrebbe chiesto anche al presidente Trump di determinare se l’Ucraina debba essere definita un importante alleato non-Nato, vi si condanna la detenzione in Russia di 24 marinai ucraini e si chiede a Moca di attuare l’accordo di pace Minsk II.

«Continuando a fornire assistenza di sicurezza all’Ucraina che promuove l’attuazione delle riforme della difesa e il raggiungimento dell’interoperabilità della Nato, possiamo meglio equipaggiare il nostro alleato con sofisticate armi letali per difendersi e scoraggiare l’aggressione russa», si legge nella presentazione che poi prosegue «Come principale difensore della libertà nel mondo, gli Stati Uniti devono utilizzare tutti gli strumenti necessari per proteggere i nostri valori condivisi», riportano Ap e DefenceNews.

Il disegno di legge è stato presentato dopo che il Senato ha proposto un disegno di legge sulla politica di difesa 2020, che autorizza fino a 300 milioni di dollari per l’assistenza alla sicurezza in Ucraina, mettendo a disposizione 100 milioni di dollari per l’assistenza e la fornitura di armi letali e aggiungendo la difesa costiera e i missili antinave come categorie ammissibili di assistenza alla sicurezza.

L’amministrazione Trump a marzo 2018 ha autorizzato una vendita all’Ucraina di 210 missili anticarro Javelin e 37 lanciatori per un valore di 47 milioni di dollari. Gli Stati Uniti hanno anche fornito a Kiev lo Sniper Systems M107A1.

Attraverso una commissione congiunta e un gruppo di formazione, c’è stata una serie di aiuti internazionali all’Ucraina, questi aiuti hanno incluso attrezzature per la guerra elettronica, radar di contro-artiglieria e due cutter della guardia costiera.

Dal 2014, secondo il Dipartimento di Stato, gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina più di 3 miliardi di dollari di assistenza totale, compresa l’assistenza in materia di sicurezza e non, nonché tre garanzie di prestito sovrano da 1 miliardo di dollari.

Luigi Medici