Kiev blocca le pensioni dell’est occupato

54

UCRAINA – Kiev 05/11/2014. Il primo ministro ucraino ha annunciato che il governo bloccherà le sovvenzioni economiche per i territori orientali oggi controllati dai separatisti filo-russi.

Arseniy Yatsenyuk (a destra) ha detto nella riunione divorerò del 5 novembre che i 2,6 miliardi di dollari destinati dal governo a Donetsk e Luhansk saranno bloccati. Le attività industriali nella zona est del Paese, economicamente depressa, ma ricchi di carbone hanno per molti anni fatto affidamento sui sussidi statali. Yatsenyuk ha detto che il pagamento delle pensioni e delle prestazioni del governo verso i residenti nelle zone orientali riprenderanno solo dopo quando saranno scacciate le forze separatiste. Il governo da mesi non paga le pensioni in quelle zone per diversi mesi, ma il premier ha detto che gli arretrati saranno pagati quando i ribelli saranno fuori dall’oriente del paese. Secondo Yatsenyuk, sospendere i sussidi alle aree occupate e controllate dai ribelli avrebbe tagliato una fonte vitale di finanziamento per le forze ribelli. «I soldi che diamo oggi a quei territori non vanno al popolo, ma sono rubati dai banditi russi, e questo non serve ad altro che a sostenere direttamente il terrorismo russo» ha detto Yatsenyuk. Il premier ha anche detto che gas ed elettricità continueranno ad essere forniti alle zone ribelli: «Si tratta di nostri cittadini, e il governo non permetterà che queste persone congelino in quanto ciò porterebbe ad una catastrofe umanitaria». L’agenzia Interfax-Ucraina, riportando le parole del vice ministro della Difesa, Petro Mekhed, che ha detto, sempre il 5 novembre, che l’intelligence militare aveva notato un recente aumento del numero di truppe russe nelle regioni di Donetsk e Luhansk. In risposta ad una possibile escalation militare, il presidente ucraino Petro Poroshenko aveva annunciato il 4 novembre che le ulteriori truppe erano state dispiegate ad est per difendere le città ancora sotto il controllo del governo da eventuali incursioni ostili.