UCRAINA. Prima telefonata tra Zelenskiy e Putin

44

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo ucraino, Volodymyr Zelenskiy, hanno tenuto il 12 luglio i loro primi colloqui dall’elezione del presidente ucraino lo scorso aprile,  una telefonata di 20 minuti degna di nota per le sue implicazioni per quanto riguarda gli sforzi per porre fine alla guerra tra Kiev e i separatisti filo-russi nell’est dell’Ucraina. A chiamare, riportano il sito del Cremlino e Kyivpost è stata l’Ucraina.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha subito sottolineato che Zelenskiy e Putin hanno discusso di un accordo di pace, oggi in fase di stallo, per la regione del Donbas in Ucraina, così come la possibilità di scambi di prigionieri «da entrambe le parti». Un portavoce presidenziale ucraino ha detto che Zelenskiy aveva sollevato la questione dello scambio di 24 marinai ucraini catturati in mare dalla Russia lo scorso novembre.

La Russia detiene decine di cittadini ucraini che i gruppi per i diritti umani hanno etichettato come prigionieri di coscienza. L’Ucraina ha anche condannato diversi russi a lunghe pene detentive per essersi uniti a separatisti armati sostenuti da Mosca che combattono nella parte orientale dell’Ucraina, riporta VoA.

L’elezione di Zelenskiy, un attore senza precedenti esperienze politiche, ma che ha interpretato il ruolo del presidente dell’Ucraina in una popolare sitcom televisiva, sembrava inizialmente offrire una speranza di progresso verso la risoluzione del conflitto ucraino. Putin aveva espresso la sua antipatia per il predecessore di Zelenskiy, Petro Poroshenko. battuto da Zelenskiy con una vittoria schiacciante grazie ad una campagna sulla promessa di trovare una soluzione pacifica alla guerra.

Tuttavia, le speranze di un ripristino delle relazioni erano rapidamente svanite. Il leader russo aveva rifiutato di congratularsi con Zelenskiy per la sua vittoria elettorale. Poco dopo, Putin aveva firmato un ordine sulle procedure per gli ucraini nelle regioni separatiste dell’Ucraina orientale per ricevere i passaporti russi; inoltre, il leader russo, al potere da quasi due decenni, ha talvolta avuto il piacere di sottolineare l’inesperienza del nuovo leader ucraino.

«Tutto quello che ha detto è stato di talento e divertente», aveva detto Putin durante un programma tv russo, dicendo di aver visto Zelenskiy esibirsi come attore comico nei primi anni 2000; «e quello che sta succedendo ora non è divertente», aveva aggiunto Putin.

All’inizio di luglio, Zelenskiy aveva pubblicato online un video appello che proponeva al presidente degli Stati Uniti Donald Trump e al primo ministro britannico di unirsi in un nuovo ciclo di negoziati con la Russia per trovare una soluzione diplomatica alla guerra. Il Cremlino aveva detto di considerare il suggerimento ucraino.

Poi c’è l’annessione della penisola di Crimea dall’Ucraina nel 2014. Mentre il Cremlino insiste sul fatto che la “riunificazione” della Crimea con la Russia è irreversibile, l’Ucraina e le potenze occidentali hanno già da tempo imposto sanzioni che insistono a rimanere fino a quando il territorio non sarà sottratto al controllo russo.

Ma per tutte le complessità  nel rapporto russo-ucraino, il portavoce del Cremlino Peskov ha insistito che Putin aveva un talento diplomatico per trovare la cosa giusta da dire, anche agli avversari percepiti come Zelenskiy. In questo caso, ha detto Peskov, era una semplice parola del leader russo: «Pronto».

Anna Lotti