UCRAINA. Pechino chiamata a intervenire nel Donbass

165

di Antonio Albanese UCRAINA – Kiev 19/01/2017. La limitazione del transito delle merci ucraine in Russia ha portato ad una perdita di oltre un miliardo di dollari per Kiev. Lo ha detto il vice ministro delle infrastrutture Victor Dovgan in un’intervista su integrazione europea rilasciata a Public Radio e ripresa da Ria Novosti.
Secondo Dovgan, questo importo rappresenta circa il due per cento del Pil del paese: «Queste sono le perdite dirette degli esportatori che hanno perso i mercati e questa è la perdita dei vettori», ha detto Dougan che ha descritto la situazione come «un caso unico di transito di guerra». A causa dell’inasprimento dei requisiti imposti dalla Russia per il transito di merci, Kiev ha deciso di cercare percorsi alternativi di consegna delle merci in Asia. Così, intende utilizzare utilizzare la nuova “Via della seta”, che consente di trasportare carichi, aggirando la Russia; ma anche questo percorso a causa delle tariffe elevate, non è praticabile.
La Russia dall’inizio del 2016 ha sospeso l’accordo Cis sulla zona di libero scambio e ha istituito dazi per proteggere il mercato da un afflusso di merci “duty-free” da parte dell’Ue. Ad esempio per gli autotrasporti dall’Ucraina al Kazakistan attraverso la Russia, sono solo in Bielorussia funziona il sistema satellitare Glonass. Mosca poi ha imposto contro l’Ucraina un embargo alimentare a causa del sostegno di Kiev alle sanzioni contro la Russia. Le perdite stimate per Kiev causate dall’embargo nel 2016 son pari a 900 milioni di dollari.Kiev, a sua volta, ha avviato due procedimenti contro la Russia presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio, chiedendo di eliminare le restrizioni sul transito delle merci ucraino. Durante il Forum di Davos, il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko ha incontrato il leader cinese Xi Jinping manifestando la speranza che la Cina possa promuovere la soluzione pacifica del conflitto nel Donbass. Secondo il servizio stampa del presidente ucraino, i due leader hanno deciso di proseguire la cooperazione a livello regionale e mondiale, nonché di rafforzare la cooperazione economica e il dialogo politico e Poroshenko ha anche detto che l’Ucraina vuole partecipare all’attuazione della nuova strategia di sviluppo economico della Cina Nuova Via della Seta.