Ucraina: nuova black list UE

60

BELGIO – Bruxelles 28/11/2014. L’Unione europea il 27 novembre ha aggiunto cinque gruppi separatisti e 13 ucraini alla lista delle sanzioni per il loro ruolo nelle elezioni avvenute nell’Ucraina orientale.

L’azione intrapresa dai 28 ambasciatori dell’Unione europea risponde alla consultazione separatista che ha minato l’attuazione del protocollo di Minsk «che aveva stabilito un cessate il fuoco nella regione» riporta la’Afp. 

L’Ue intende colpire i singoli con il congelamento dei beni e il divieto di viaggio e le organizzazioni con il congelamento dei beni. I nomi sono stati tenuti segreti, ma dovrebbero essere pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il 29 novembre, secondo la procedura Ue. Le organizzazioni oggetto dei provvedimenti sono principalmente gruppi politici, piuttosto che aziende ucraine. La nuova lista nera si aggiunge alla precedente che tocca già 119 persone e 23 entità. I governi dell’Unione europea stanno discutendo anche una serie di proposte per un “maggiore divieto” agli investimenti in Crimea.