15.000 soldati Ucraini ammassati al confine con la Russia

20

RUSSIA – Mosca. 08/05/14. Il Ministero della Difesa russo ha invitato la NATO e il Pentagono a interrompere quello che viene definito un «cinicamente indurre in errore» la comunità mondiale sulla situazione al confine russo-ucraino. Fonte ministero della difesa russo. «Abbiamo ritirato dal confine anche le unità tattiche che si sono esibite in compiti formativi nelle esercitazioni». Fonte RBC.ru.

 

Allo stesso tempo, secondo l’agenzia, sul confine russo-ucraino ci sarebbero schierate 15.000 soldati. Contemporaneamente vi è un accumulo di truppe NATO in Europa orientale. «Crediamo che l’istituzione di stereotipi occidentali pubblici che reintroducono i principi della Guerra Fredda del secolo scorso in un’epoca moderna utilizzando la penetrazione universale di Internet e dei media liberi non ha senso e può danneggiare la reputazione del mondo occidentale» spiega l’ufficio comunicazione del ministero.

Sul ritiro delle truppe russe dal confine con l’Ucraina, il 7 maggio, ne ha dato notizia il presidente Vladimir Putin dopo l’incontro con il Presidente OSCE, lo svizzero,  Didier Burkhalter. «Questo è facilmente verificabile con l’ausilio di mezzi moderni di intelligence, comprese le foto aeree» ha detto Putin.

Più tardi, gli Stati Uniti hanno detto che non hanno notato il ritiro delle truppe russe dal confine con l’Ucraina. «Devo ribadire che, anche se abbiamo prestato molta attenzione alle dichiarazioni della Russia, sul fatto che ha cominciato a deviare truppe, non vediamo ancora nessun segno di ritiro. Vi assicuro che quando avremo la conferma del ritiro, saremo i primi ad essente contenti» ha detto il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen.

Fonte http://top.rbc.ru/politics/08/05/2014/922730.shtml