Vertice UE in Lituania: Ucraina protagonista

34

LITUANIA – Vilnius. 28/10/13. Il 28-29 novembre si terrà il vertice dell’Unione Europea e dei leader del “partenariato orientale” dell’UE in Lituania. Liberty Kazakhstan ha intervistato il Presidente della Lituania Dalia Grybauskaite.

Tra i temi caldi della sessione dei lavori la firma da parte dell’Ucraina dell’accordo di libero scambio con l’UE. Altro punto all’ordine del giorno adesione al “partenariato orientale” per l’Unione europea. In forse la presenza del leader Bielorusso Alexander Lukashenko. Il Presidente è stato inserito nella black list  dell’Unione europea. Come ha precisato la presidente di turno «i funzionari bielorussi non possono entrare nell’Unione europea». 

La Presidente ha detto che al vertice si parerà soprattutto di Ucraina, la Moldova e la Georgia – «paesi che hanno già fatto un ottimo lavoro». «Probabilmente saremo in grado di raggiungere un accordo per l’integrazione con l’Europa. Abbiamo intenzione di avviare un progetto di accordo di libero scambio con la Moldova e la Georgia, e siamo vicini, probabilmente al fine di garantire che firmare il trattato con l’Ucraina». In realtà il grande tema sarà: l’Ucraina aderirà o no al trattato europeo? Secondo il Presidente ci sono ottime possibilità, ma se anche questo non dovesse accadere sono importanti le riforme che Ucraina, Georgia e Moldova hanno fatto per proseguire sulla strada dell’integrazione con l’Europa. «Questi paesi hanno già fatto molto per la democratizzazione, i diritti umani, la riforma economica, e aveva riformato il sistema di applicazione della legge – questo dà a loro l’opportunità di siglare accordi bilaterali. Indipendentemente dalle decisioni prese da Ucraina e anche se non può attuare tutte le azioni necessarie (di cui dubito), credo che vi sia la possibilità di raggiungere un risultato positivo. Penso che l’Ucraina ha intrapreso la strada delle riforme, e raggiungerà con successo buoni risultati».

Tra i timori di Dalia Grybauskaite, la pressione di Mosca sull’Ucraina. «Viene esercitata una pressione particolarmente forte sulla economia – di vietare le importazioni di alcuni prodotti, così come il divieto di importazione di prodotti lattiero-caseari dalla Lituania. Ucraina è sotto pressione dalla Russia ed a causa di prezzi dell’energia. L’aumento della pressione colpisce l’opinione pubblica in Ucraina e in Europa, così come la velocità del processo decisionale Ucraina».