UCRAINA. Kiev raccomanda di chiudere le finestre per gli incendi nucleari

230

Il municipio di Kiev ha raccomandato ai cittadini di chiudere le finestre, il che è dovuto ad un drastico aumento della concentrazione di emissioni nocive nell’aria. È la conseguenza degli incendi nella zona di esclusione di Chernobyl e in un distretto forestale nella regione di Zhytomyr, nel nord dell’Ucraina; non sono ancora stati estinti. 

Come riporta 112UA, citando l’amministrazione ucraina: «Nel frattempo i cittadini hanno espresso la preoccupazione che la radioattività nella zona di esclusione possa diffondersi attraverso il fumo denso degli alberi in fiamme. Inoltre, alcuni media internazionali hanno fatto affermazioni fuorvianti sui “livelli di radiazione in aumento” nel “deposito di scorie nucleari abbandonato” entrambe queste affermazioni in realtà non sono corrette». 

Il governo fa riferimento a numerosi post sui social media e ai dati provenienti da fonti aperte che dimostrano che il livello di radiazioni effettivo rimane entro i limiti della normalità. Sembra che l’odore di bruciato sia il risultato dei gas di combustione rilasciati nell’aria dopo gli incendi nei luoghi succitati, ma questo non ha nulla a che vedere con i picchi di livello di radiazione. 

«Secondo gli esperti e le fonti governative, la situazione è più complicata di quanto sembri. I livelli di radiazione locali sembrano essere aumentati, ma non c’è stato alcun rischio immediato per i cittadini di essere esposti a livelli di radiazione pericolosi. Utilizzando strumenti online open source come la mappa di monitoraggio della radioattività ambientale del Centro comune di risorse dell’Ue, non è visibile alcun aumento di radiazioni nella zona nel periodo degli incendi boschivi. Naturalmente, la paura delle radiazioni è una preoccupazione comprensibile, poiché è invisibile ma potenzialmente letale. La storia della mancanza di comunicazione e trasparenza da parte dei responsabili di incidenti di contaminazione nucleare – che si tratti di scorie o di fusione di reattori – non fa che aumentare l’ansia della popolazione in generale», prosegue112UA.

Luigi Medici