UCRAINA. Kiev non entra nella NATO neanche tra 5 anni

381

Parlando a una riunione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, Osce, il ministro degli Esteri ucraino ha denunciato il recente sequestro di tre navi militari ucraine e del loro equipaggio da parte delle forze russe al largo della Crimea, affermando che si tratta di un altro attacco al diritto internazionale.

“È urgente fornire una risposta internazionale rapida e consolidata a questo atto di aggressione. Le semplici dichiarazioni non sono sufficienti. Ci deve essere un’azione», ha detto Pavlo Klimkin alla riunione annuale dei ministri dell’Osce, che si svolge a Milano.

«Dobbiamo aumentare il costo per la Russia con sanzioni globali e su misura (…) Non può essere trattata questa questione come se fosse normale e di poco conto». L’Osce, struttura di 57 nazioni, organismo di sorveglianza della sicurezza e dei diritti umani, è stata scossa dalla situazione di stallo militare e diplomatico tra la Russia e l’Ucraina, entrambi Stati membri. Ma il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov non è apparso toccato dal muro di critiche che lo ha atteso a Milano, ringraziando l’Italia per aver creato una “calda atmosfera” all’incontro e dando la colpa per anni di crescenti tensioni con Kiev all’Ucraina e i suoi alleati.

Il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin ha poi aggiunto di ritenere che il suo paese non potrebbe aderire all’Unione Europea nei prossimi cinque anni, andando in onda su 1+1, stando a quanto riporta Interfax-Ucraina. «L’Ucraina, così com’è ora, non entrerà nell’Unione Europea tra un anno, due anni o addirittura cinque», ha dichiarato il Ministro.

Secondo Klimkin, l’adesione dell’Ucraina all’UE o alla Nato è questione cha ha una prospettiva a medio termine: «Se qualcuno vi dice che ci uniremo tra un anno o due, non fidatevi di loro, è una bugia, ma se qualcuno vi dice che ci vorranno 30 anni, non credete neanche loro. L’esperienza mostra cose diverse», ha poi aggiunto.

Antonio Albanese