UCRAINA. Imprese ucraine nazionalizzate dai ribelli nel Donbass

98

Le repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk hanno nazionalizzato le imprese ucraine situate nel Donbass il 1° marzo. Si tratta della risposta al blocco ferroviario della regione imposto dalle autorità di Kiev.

Nella loro dichiarazione congiunta ha anche detto che il Donbass bloccherà completamente le forniture di carburante per l’Ucraina. Igor Carpenter e Alexander Zakharchenko hanno detto che «per la fornitura di carbone non hanno né la capacità né un regime di pagamento».

Nonostante la misura ritorsiva delle autorità separatiste, gli organizzatori del blocco commerciale del Donbass non intendono fermare l’azione, al contrario.

Zakharchenko e Carpenter nella loro dichiarazione hanno osservato che le autorità intendono ricostruire il lavoro delle imprese e aprirgli il mercato russo e di altri paesi. Secondo Alexey Granovskij, “ministro” dell’Industria del Donbass: «Nonostante le difficoltà nel riconoscimento politico della repubblica, le nostre imprese collaborano con successo con i paesi vicini e lontani all’estero, infatti, i nostri produttori hanno iniziato il processo di ritiro dal mercato ucraino a beneficio di altri paesi più di due anni fa», aggiungendo che la Dnr esporta più di 50 gruppi di prodotti.
Le autorità hanno stabilito una gestione esterna per il funzionamento delle imprese, lasciandosi il compito di regolare i diritti dei lavoratori in fabbrica.

Alla fine di gennaio, un gruppo di ex membri della operazione militare nel Donbass, compresi alcuni deputati della Verkhovna Rada dell’Ucraina hanno bloccato ogni collegamento ferroviario con il Donbas, dicendo che tutti gli scambi commerciali con le repubbliche separatiste erano illegali.

Il blocco ha portato alla interruzione delle forniture di antracite, motivo per cui le autorità ucraine hanno introdotto misure di emergenza nel settore energetico al fine di risparmiare risorse.
L’Osce ha detto in precedenza che il blocco economico del Donbass portarà a una catastrofe umanitaria nella regione, e ha invitato Kiev a rimuoverlo.

La rimozione del blocco è uno degli elementi obbligatori firmati dal gruppo di contatto sulla risoluzione della situazione nel Donbass.

Il Cremlino ha detto che Mosca ha fatto e farà tutto il possibile per normalizzare la situazione nella regione, anche se l’influenza della Russia non è illimitata.
Secondo Mosca, le azioni delle autorità ucraine non contribuiscono alla risoluzione del conflitto. Mosca ritiene che Kiev dovrebbe togliere il blocco e riprendere l’importazione e l’esportazione di merci.

Graziella Giangiulio