UCRAINA. Droni turchi e Javelin USA per il fronte del Donbas

129

Le truppe delle forze armate ucraine dispiegate nell’Ucraina orientale saranno equipaggiate con Javelin Atgm di fabbricazione statunitense e Bayraktar Tb2 Uav di fabbricazione turca. Lo ha annunciato il Comandante in Capo delle Forze Armate ucraine, Uaf, il generale Ruslan Khomchak, secondo la pagina Facebook dello Stato Maggiore dell’Uaf.

Secondo Khomchak, le tattiche di utilizzo del Javelin sono state elaborate dai soldati di una delle brigate che si preparano ad entrare nell’operazione congiunta delle forze armate. In futuro, ciascuna delle brigate che saranno inviate nell’Ucraina orientale sarà rafforzata dai dati dell’Atgm, «dato che sono già molto più disponibili di prima», ha detto il generale.

«Inoltre, nel preparare questa brigata per la prossima rotazione, lavoreremo anche sull’uso dei droni Bayraktar per effettuare attacchi su obiettivi nemici», ha aggiunto il comandante delle Forze Armate dell’Ucraina. Questo era importante, perché secondo Khomchak le truppe ucraine avevano imparato a difendersi, ma ora dovevano migliorare la loro offensiva, riporta Southfront.

«Ora stiamo dedicando molta più attenzione e tempo a preparare le truppe per le operazioni offensive nelle aree urbane. Per sei anni abbiamo imparato a difenderci bene. E l’esercito deve essere addestrato e attaccare giorno e notte, in qualsiasi condizione meteorologica. Ho stabilito questo compito un anno fa. Dopo tutto, l’esercito dovrebbe essere completamente preparato per i diversi sviluppi», ha aggiunto Khomchak.

Nella primavera del 2018, l’Ucraina ha ricevuto 37 lanciatori Javelin Atgm e 210 missili dagli Stati Uniti. Sotto la presidenza di Volodymyr Zelensky, Kiev ha continuato le trattative con Washington sulle nuove consegne di questi complessi: i contratti per il secondo lotto di missili sono stati firmati nel dicembre 2019, alcuni dei quali sono arrivati in Ucraina nel giugno 2020.

La dichiarazione del generale Ruslan Khomchak va direttamente contro le affermazioni dei funzionari ucraini secondo cui nell’Ucraina orientale si sta tentando una qualsiasi forma di destabilizzazione. Va notato che già nel maggio 2018, Georgiy Tuka, il vice ministro per i Territori temporaneamente occupati e gli sfollati interni dell’Ucraina, ha affermato che gli Stati Uniti avevano imposto restrizioni all’uso dei Javelin Atgm nell’Ucraina orientale.

Secondo lui, uno dei termini del contratto per la fornitura dei sistemi missilistici era «non utilizzare questi complessi direttamente sulla linea di contatto». Allo stesso tempo, Tuka ha sottolineato che il divieto può essere annullato in qualsiasi momento e che solo due complessi di questo tipo sarebbero stati in grado di infliggere notevoli danni al nemico.

«Suppongo che nel caso in cui, come si dice, abbiamo le spalle al muro, otterremo il permesso dagli Stati Uniti di usare due o tre di questi sistemi missilistici. E questo farà abbassare la cresta al nemico per un periodo di tempo piuttosto lungo», ha aggiunto il Vice ministro. Non è chiaro se il divieto sia stato revocato e l’Ucraina può ora utilizzare gli Atgm o se le notizie di averne equipaggiato le truppe sono propaganda.

Anna Lotti