Uber a Montevideo

2

URUGUAY – Montevideo 04/11/2015. Uber, il popolare servizio di car-sharing, ha ricevuto circa 2.500 domande in tre giorni dagli autisti a Montevideo, capitale dell’Uruguay.

Uber, che si è scontrato con i tassisti di tutto il mondo, aveva postato su Twitter un invito ai potenziali autisti la settimana precedente, ha detto sulla Tv locale Canale 10, Soledad Lago, direttore delle comunicazioni della società per il Sud America. Uber non ha ancora stabilito una data per l’inizio del servizio ma Lago ha detto, sempre su Canale 10, che la società prevede di lanciare il servizio «nelle prossime settimane». I requisiti per potersi candidare sono: possesso di una automobile immatricolata nel 2008 o negli ani successivi, con una cilindrata almeno da 1.200 cc, quattro porte e aria condizionata. I candidati dovranno passare dei controlli: precedenti penali, violazioni del traffico, e controlli finanziari. Uber non intende avere 2.500 autisti a Montevideo, città che conta 1,3 milioni di abitanti, ma il numero dei richiedenti , riporta Efe, è indice del fascino della società stessa, secondo Lago, nonché della “fame di lavoro” presente in Uruguay. Il sindacato nazionale uruguaiano dei Lavoratori dei Trasporti, Unott, tramite il suo presidente Jose Fazio ha espresso la sua preoccupazione per la prossima presidenza di Uber nel paese. Il sindaco di Montevideo Daniel Martinez, aveva recentemente detto che il problema non era ancora stato esaminato, ma aveva mostrato una certa riluttanza al lancio di Uber, che è presente già a Città del Messico, Santiago, San Paolo, Lima e Bogotà.